Crolla il mercato dell'indivia: prezzi bassissimi

"Il mercato dell'indivia è completamente collassato nel giro di sole due settimane". E' quanto sostiene Marloes Neefjes della Witlofkwekerij LOF di Espel, nei Paesi Bassi.

"I prezzi sono bassi e vendere risulta difficile, mentre nelle settimane precedenti era stato il contrario, con una domanda elevata e quotazioni piuttosto buone. Il cambiamento è stato piuttosto improvviso e non sappiamo ancora esattamente cosa sia accaduto esattamente. Abbiamo notato che i consumatori sono passati in massa alla lattuga, perché attualmente ci sono meno vendite ovunque. E' come se tutti stessero cercando di smaltire tutti i prodotti in scatola che hanno ancora a casa".

"Qualche settimana fa, il mercato era ottimo. Normalmente questo periodo si rivela mediocre, ma noi abbiamo registrato settimane molto buone, con forte domanda in Europa nonostante il coronavirus. Ora le cose sono cambiate ovunque. Persino il prezzo non fa più molta differenza ormai".

L'indivia biancha e quella rossa al momento si vendono a quotazioni bassissime. "Sicuramente non scenderemo al di sotto del prezzo di costo, dal momento che la raccolta ci costerebbe di più. Nel caso, preferiremmo ridurre un po' la produzione e, se possibile, far slittare l'indivia alla settimana dopo. Dopotutto, trattiamo prodotti freschi che coltiviamo sotto ordini di fornitura e non abbiamo scorte. Ho notato, comunque, che i prezzi nei supermercati sono ancora allo stesso livello di prima".

Ma quale potrebbe essere la ragione dietro a una tale improvvisa scomparsa della domanda? Secondo Marloes, la ragione non può essere il clima caldo. "L'indivia va bene anche in estate, per la preparazione di insalate o persino cotta alla griglia".

A livello internazionale ci sono una serie di sviluppi che possono influenzare il mercato. "Abbiamo sentito, per esempio, che l'indivia francese viene offerta a prezzi bassi. Abbiamo anche alcuni clienti che esportano molto verso gli Stati Uniti, ma nelle ultime settimane le spedizioni verso questo mercato sono diventate molto costose. Ci sono pochissimi voli attivi e, quando ci sono, il costo del trasporto è alle stelle. Anche questo ha un impatto sulle nostre vendite".

"Nonostante ciò ci aspettiamo e speriamo in una ripresa nelle prossime settimane. Molti vivai hanno interrotto la produzione per i mesi estivi e ciò potrebbe rivelarsi un vantaggio, per noi - continua Marloes - Inoltre, abbiamo molti clienti regolari consapevoli che forniamo una buona qualità e che torneranno nuovamente a chiederci il prodotto, una volta che la domanda sul mercato mostrerà una ripresa. Per il momento, si può solo dire che le cose potrebbero e dovrebbero essere fatte meglio".

Per maggiori informazioni
Marloes Neefjes
Witlofkwekerij LOF
Pilotenweg 28/1
8311 PL Espel - Paesi Bassi
Tel.: +31 (0) 527 271375
Email: info@witlofkwekerijlof.nl
Web: www.witlofkwekerijlof.nl


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto