In Cina

Mercato degli agrumi d'importazione a rilento nei primi due trimestri

"A causa di fattori importanti come la guerra commerciale tra Cina e USA e l'epidemia Covid-19, in questa stagione il mercato agrumicolo di Egitto, Spagna e Stati Uniti non sta andando bene come negli anni precedenti. A causa della pandemia, la maggior parte degli importatori ha prestato una cautela maggiore e ha ridotto le importazioni. Attualmente in Sudafrica è in corso il picco di vendita per gli agrumi. Sebbene il mercato sia in graduale ripresa, la commercializzazione è ancora un po' inferiore all'anno scorso". A sostenerlo è un importatore di agrumi del mercato cinese Jiangnan di Guangzhou.

"In Sudafrica la stagione degli agrumi comincia all'inizio di aprile e continua fino a ottobre. Recentemente, in Cina, sono arrivati ogni settimana tra i 200 e i 250 container di pompelmi. I prezzi degli agrumi sudafricani sono nel complesso più bassi rispetto a quelli registrati nello stesso periodo degli anni precedenti. Con l'aumento dei volumi in arrivo il prezzo dei pompelmi sudafricani sul mercato cinese è diminuito dai precedenti 300-310 yuan (37,5-38,75 euro) a cartone agli attuali 110-130 yuan (13,75-16,25 euro)".

Negli Stati Uniti la stagione agrumicola sta per terminare e sul mercato sono arrivati gli agrumi dall'Australia. In generale sono poche le aspettative per questa stagione. Da una parte, a causa dell'impatto della pandemia di Covid-19, sul mercato lo slancio del consumo non si è pienamente ripreso ed è presente una domanda bassa per i frutti costosi da parte dei consumatori. Ciò ha incrementato la pressione sugli importatori, quindi si riescono a ottenere buone condizioni sul mercato solo se è presente una grave carenza.

Raggiungere il consenso con i partner stranieri e affermare il controllo su qualità, costo e modalità di cooperazione è il solo modo che hanno gli importatori in Cina per tirarsi fuori da questo pantano. Dall'altra parte, il basso potere d'acquisto dei consumatori ha costretto gli acquirenti intermedi a valle a incrementare i requisiti di qualità della frutta. Con la pandemia la competitività per la frutta che non ha una domanda solida o che è di media qualità è diminuita notevolmente rispetto agli anni precedenti.

"A giugno la domanda di arance sta mostrando un graduale incremento sul mercato, principalmente a causa di un vuoto di mercato generato dalla riduzione delle importazioni di arance da Egitto e Spagna, a causa della pandemia e della conclusione della stagione delle arance degli Stati Uniti. Tuttavia, questa situazione è solo temporanea, dal momento che le arance sudafricane dovrebbero raggiungere un piccolo picco entro le prossime settimane. Per gli agrumi sudafricani la buona notizia è che la qualità delle arance dolci precoci è migliore rispetto all'anno scorso; la consistenza è buona".

Per quanto riguarda gli agrumi cileni, che non molto tempo fa hanno ottenuto l'approvazione per essere esportati in Cina, l'importatore ha dichiarato: "Personalmente ritengo che anche se sono sempre di più le persone che stanno lentamente prendendo confidenza con gli agrumi cileni, sul breve termine le importazioni non saranno voluminose, soprattutto con questo clima complesso e incerto. Inoltre, si dovranno affrontare con cautela i controlli di qualità degli agrumi cileni, che comunque restano sulla lista degli articoli d'importazione per il futuro".


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto