Da Vignola, novita' sugli impianti di ciliegio: il vasetto senza scala

Si sta sperimentando un nuovo modello di impianto "pedonale" molto efficiente, poco costoso e facile da realizzare, una possibile alternativa agli impianti superfitti. Deriva da una variante del vaso catalano: un vasetto basso multiasse realizzato con portinnesti a vigoria intermedia. Il nuovo vasetto è stato denominato VAR, l'acronimo del suo inventore.

La prova è in corso presso l'azienda agricola Zanoli Emilia a Marano sul Panaro (provincia di Modena). Ne abbiamo parlato con due esperti di ciliegio, Romano Amidei, consulente tecnico e ideatore del VAR, e Stefano Lugli, sperimentatore sul ciliegio da poco approdato all'Università di Modena.

Romano Amidei

Amidei ci racconta che la prova è messa a dimora nel 2017 con due varietà, Samba* e Grece Star*, innestate su Gisela 6. Le distanze scelte, 4m x 2m, corrispondono ad una densità di 1250 alberi per ettaro.

"Occorrono due anni per formare la pianta. Si è lavorato per ottenere più assi per pianta, in media 8-10 per albero ovvero 10-12 mila assi per ha. Al terzo anno siamo entrati in produzione con 22 q/ha in Samba* e 31 q/ha in Grace Star*. I dati raccolti quest'anno (2020) ci dicono che siamo in piena produzione già alla quarta foglia: con 146 q/ha in Samba* e 183 q/ha in Grace Star* e con ciliegie di ottima qualità" spiega Amidei.

E la durata di questi impianti? "Esperienze simili condotte nella stessa azienda su impianti ad alta densità su Gisela 6 ed allevati a bandiera stretta ci rassicurano che la durata di questi impianti si può collocare tranquillamente in un range tra i 15 e i 20 anni" risponde Amidei.

Abbiamo poi chiesto a Lugli se il VAR ha particolari esigenze. "Serve un portinnesto, come Gisela 6*, fisiologicamente molto efficiente sia piano energetico che su quello idrico, con vigoria intermedia, capace di indurre una rapida differenziazione a fiore e che sia adatto ad una densità di impianto non troppo alta, tra le 1000 e le 1500 piante per ettaro. Poi servono varietà con determinati attributi: vigoria elevata, portamento assurgente, habitus spur, grosso calibro". 

"Diversamente dai sistemi pedonali monoasse, dove si cerca di produrre su gemme a fiore singole portate da rami laterali speronati annualmente, nel VAR" precisa Lugli, "la produzione avviene esclusivamente sui dardi distribuiti in modo regolare lungo gli assi verticali. I mazzetti di maggio sono formazioni capaci di auto rinnovarsi annualmente per diverse stagioni. Così, una volta creata l'impalcatura produttiva permanente dell'albero, se la gestione idrica - nutrizionale rimane ottimale, non serve fare tanto altro".

Circa gli aspetti qualitativi delle produzioni, i dati 2020 sono piuttosto significativi ed eloquenti, ci spiega Lugli. "Dalla calibratura elettronica dell'intera produzione, risulta che l'80 % delle ciliegie Samba* ed il 90 % di Grace Star* hanno un calibro da prima classe, adatto anche all'export".


Clicca qui per un ingrandimento.

Un altro elemento interessante utile per valutare la sostenibilità, anche economica, del vasetto VAR riguarda i costi di gestione. Secondo Amidei "per abbassare i costi di produzione e incrementare il reddito aziendale, oltre a produrre bene e presto, occorre aumentare le rese alla raccolta. In questo impianto le rese registrate sono state di oltre 24 kg/ora/persona per Samba* e 20 kg/ora/persona per Grace Star*, ben oltre alle medie che si registrano negli impianti del vignolese. Il risparmio, solo in termini di manodopera per la raccolta, è del 20-30%".

L'impianto viene gestito completamente da terra, senza carri e senza scale. Perché è importante questa soluzione? "Dobbiamo offrire ai nostri produttori soluzioni semplici, poco onerose e al tempo stesso efficienti e redditizie nel tempo. Inoltre, le norme di sicurezza impongono sempre più restrizioni e autorizzazioni sull'uso di attrezzature meccaniche. Ancora, in tempi di Coronavirus, il distanziamento risulta molto più semplice se il personale opera da terra piuttosto che su un carro raccolta. In definitiva" concludono i due esperti, "meglio stare con i piedi per terra e con soluzioni semplici e redditizie!"


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto