Le oscillazioni della sterlina e dello złoty sono dovute dell'incertezza Covid-19

Una cosa è certa, anche in questi tempi di Coronavirus, le persone devono mangiare. Perciò, il settore commerciale ortofrutticolo europeo, fortunatamente, continua a lavorare. Ma gran parte di questo commercio viene e va oltreoceano. Che succede quando vengono coinvolte in questi scambi valute diverse dall'euro? I pagamenti continuano come sempre o si sono verificate situazioni particolari, provocate dall'incertezza del periodo?

"I nostri clienti trattano soprattutto con la sterlina britannica, lo złoty polacco e il dollaro americano", afferma Camille Faber, responsabile transazioni della Ebury, nei Paesi Bassi. Questa società opera, tra gli altri, nell'ambito dei servizi valutari. "In particolare, lo Złoty e la Sterlina hanno subito le differenze nell'andamento del loro valore, sulla scia della crisi di Coronavirus".


Camille Faber, responsabile transazioni della olandese Ebury,.

Camille afferma che durante la crisi, lo złoty si è svalutato del 9,2% rispetto all'euro. "Non stipulare un'assicurazione contro i movimenti valutari può essere un grande vantaggio o un grande svantaggio. Una parte della coltivazione o della trasformazione di un prodotto avvengono di solito in Polonia. Pertanto, gli złoty vengono spesso acquistati in precedenza, per far fronte alle obbligazioni finanziarie in Polonia. Questo significa che ora è necessario spendere meno euro per acquistare lo stesso importo in złoty. Ciò avvantaggia chi si è mosso in questo senso".

"Il commercio con la Polonia, tuttavia, risulta meno vantaggioso, in quanto i pagamenti vengono effettuati in valuta locale. Il cambio in zloty è sfavorevole, per l'euro".

Ma perché la valuta polacca è direttamente colpita da questo momento di crisi? Camile afferma che la Polonia è considerata un mercato emergente. Pertanto, investire in złoty è considerato rischioso. "Spesso vedi che, in tempi di crisi o disordini, gli investitori tendono a gravitare verso valute forti, con valori stabili. Spesso gli investitori istituzionali si concentrano sul prezioso yen giapponese, sul franco svizzero o sui dollari americani. Il capitale viene quindi indirizzato in quella direzione".

A parte la moneta polacca, comunque, i rischi del Coronavirus hanno colpito anche la sterlina britannica, ma in modo diverso dallo złoty, afferma Camille. "Inizialmente c'è stato un calo di quasi il 12%, da 1,20 a  1,08 euro. Da allora, la valuta britannica è tornata ai livelli pre-crisi. Questo è stato un riflesso naturale della pandemia. Il capitale istituzionale ha associato il Regno Unito a un contesto molto rischioso, considerata l'incertezza sull'imminente Brexit e il modo laconico del governo britannico di affrontare la crisi del Coronavirus. Questo approccio ha causato il forte deprezzamento della valuta".

L'esperto valutario attribuisce il conseguente recupero della Sterlina alla consapevolezza del mercato che, nonostante il rischio Brexit, il commercio andrà avanti. "Di tutti i consumatori dell'Eurozona, gli inglesi sono quelli con il minor risparmio e la più alta spesa al consumo. Spendono molti soldi in cibo, avvicinandosi ai livelli americani, quando si tratta di profili di spesa. Questo è positivo dal punto di vista economico, se commerci con il Regno Unito. Gli inglesi saranno più inclini a distribuire denaro dopo la crisi, rispetto per esempio ai consumatori tedeschi o olandesi, che preferiranno risparmiare denaro".


Questo grafico mostra l'impatto del virus COVID-19 sul tasso di cambio zloty e pound rispetto all'euro. Clicca qui per ingrandire

Queste fluttuazioni valutarie comportano naturalmente dei rischi. Ma potrebbero anche tornare utili, a seconda della direzione della variazione. Stipulando un contratto a termine (futures) si può coprire il rischio di perdita. Questo è uno strumento utilizzato per vincolare due parti nella negoziazione di una determinata quantità di valuta, in un determinato momento e a un prezzo prestabilito. Fissando il prezzo in questo modo, il rischio può essere coperto. Tuttavia, ciò include un elemento di natura speculativa.

A volte, un prezzo viene determinato per un periodo di tempo più lungo, con l'aspettativa di ottenere un vantaggio. Camille spiega che le cose potrebbero andare diversamente. "Immagina di impegnarti a un certo prezzo per un tempo più lungo. Se quella valuta fluttua nella direzione opposta, sei meno competitivo dei clienti che hanno scelto di non assicurare i loro fondi". Camille vede che soprattutto quest'ultimo aspetto pesa parecchio su molti operatori.

Questo porta alcune società a scegliere, ad esempio, di assicurare automaticamente il 50% del rischio. Vogliono evitare di indebolire la loro competitività, in caso di fluttuazioni valutarie opposte. Camille ha anche visto che più bassi sono i margini di un commerciante di frutta e verdura, più è probabile che coprirà i suoi rischi valutari. "Se hai margini molto bassi, non puoi permetterti di perdere il sei per cento per questioni simili. Tuttavia, se il tuo margine è del 15%, puoi scommettere", conclude.

Maggiori informazioni
Camille Faber
Ebury Netherlands
Claude Debussylaan 26
1028 MD Amsterdam
+31 20 217 0810
Camille.faber@ebury.com
www.ebury.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto