L'aspettativa di Will Teeuwen (Teboza)

Asparagi olandesi nel settore della ristorazione a giugno

I coltivatori di asparagi olandesi si preparano alla fine della stagione. E' stata una campagna bizzarra e impegnativa, secondo Will Teeuwen di Teboza, in cui si sono verificate situazioni di ogni tipo: scarsa disponibilità di personale, imballaggio con distanziamento sociale di un metro e mezzo, ordini al dettaglio elevati e un fine settimana di Pasqua che purtroppo è coinciso con una scarsa disponibilità. "Spero che il settore della ristorazione possa godere dei nostri asparagi almeno a giugno".

"Abbiamo dovuto adattarci in base al nuovo regolamento, dal 15 marzo in poi. La disponibilità del personale ha rappresentato davvero un problema. Non tutti i dipendenti hanno potuto o se la sono sentita di venire al lavoro. Fortunatamente siamo riusciti a raccogliere gli asparagi. Qua e là, un certo numero di appezzamenti non sono mai stati raccolti perché il personale non è stato sufficiente o perché abbiamo avuto problemi di logistica", riferisce Teeuwen.

Il distanziamento sociale è risultato più impegnativo per il trasporto in campo e per il processo di imballaggio.

"Ci è voluto un certo sforzo per preparare gli ordini in tempo. Siamo quindi molto grati ai nostri clienti per la comprensione dimostrata. Fortunatamente è andato tutto bene. E non siamo certo insoddisfatti delle vendite. Il commercio al dettaglio ha acquistato almeno il volume previsto in anticipo e a volte anche di più, permettendoci così di affrontare ragionevolmente bene la perdita dei nostri clienti del canale Horeca. Molte persone non hanno voluto risparmiare sul cibo da consumare a casa e il nostro gruppo di prodotti ne ha beneficiato", osserva Teeuwen.

"L'asparago non è un prodotto che si mangia tutti i giorni, ma in tempi difficili i consumatori spesso si concedono un pasto a base di asparagi. Nel corso degli anni, abbiamo avuto diverse crisi, ma di solito hanno avuto un impatto minimo sul consumo dell'ortaggio", ha detto il coltivatore. "Ma naturalmente speriamo di non sperimentare mai più nulla di simile al Coronavirus. Mi aspetto che i consumatori siano più consapevoli del cibo locale e degli aspetti salutari. Spero che si possa continuare così".

"Di per sé è stato un periodo abbastanza buono per gli asparagi. Non abbiamo avuto un clima troppo caldo e alcune notti fredde hanno portato al crollo dell'offerta, soprattutto durante il fine settimana di Pasqua, in cui la domanda è ai massimi livelli. Si possono fare tutti i tipi di analisi a riguardo, ma è stata solo una sfortunata combinazione di circostanze e nessuno può farci niente", dice Teeuwen.

Si prevede disponibilità di un numero sufficiente di asparagi fino al 24 giugno. I volumi diminuiscono di giorno in giorno e i prezzi non scenderanno, di conseguenza. "L'anno scorso abbiamo avuto una stagione molto precoce, ora non siamo nemmeno in ritardo, ma siamo indietro di sette o dieci giorni rispetto all'anno scorso. Per soddisfare una domanda regolare, abbiamo sufficiente prodotto disponibile e speriamo che anche il settore della ristorazione possa approfittarne sul finale di stagione, a giugno".

Per maggiori informazioni
Will Teeuwen
Teboza 
Zandberg 14b
5988 NW Heroes - Paesi Bassi
Tel.: +31 (0)77 307 1444
Fax: +31 (0)77 307 7398
Email: w.teeuwen@teboza.nl
Web: www.teboza.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto