Spagna: calo del 18,6% nelle previsioni di raccolto delle pesche e nettarine della Catalogna

Si stima che, nella prossima stagione, la produzione di pesche e nettarine della Catalogna diminuirà del 18,6% fino a 413.050 ton, secondo i dati pubblicati da Afrucat, l'Associazione delle imprese frutticole della Catalogna e dal Dipartimento dell'Agricoltura della Generalità della Catalogna. La produzione delle pesche tonde diminuirà del 22% (95.490 ton), quella delle pesche piatte del 15% (113.630 ton), quella delle nettarine del 20% (181.500 ton) e quella delle pesche gialle Pavia del 9% (22.430 ton).

La stagione di raccolta varia a seconda dei comuni. Le previsioni parlano di un inizio anticipato di 5-7 giorni rispetto all'anno scorso, anche se in alcune zone subirà un ritardo tra i 7 e i 10 giorni.

La campagna che comincerà a breve avrà delle limitazioni causate dall'epidemia di Covid-19 (come la difficoltà di trovare manodopera, la necessità di implementare i protocolli, l'utilizzo massiccio di dispositivi di protezione individuale, l'aumento dei prezzi logistici e di trasporto), che si tradurranno in un incremento dei costi di produzione che andrà ad aggiungersi all'aumento del 6% dei salari dei lavoratori appena concordato.

Tuttavia, secondo Manel Simon, direttore generale di Afrucat, il notevole calo nelle previsioni del raccolto catalano e la riduzione generale prevista in Europa, quest'anno potrebbe permettere al settore produttivo catalano di difendere i prezzi, soprattutto se si tiene conto del buon inizio della campagna delle drupacee avuto nella zona meridionale.

Secondo Simon, i prezzi della frutta più precoce partono normalmente da un livello elevato e nelle ultime settimane sarebbero dovuti diminuire, ma quest'anno si stanno mantenendo buoni. "Tutto fa pensare che nei mercati potrebbe verificarsi una disputa per pesche e nettarine, in quanto non ci sarà prodotto a sufficienza per tutti".

Un altro degli elementi chiave della campagna è la qualità della frutta, che dovrebbe avere un buon calibro e con un elevato grado Brix.

Carmen Modol, direttore generale di Alimentazione, Qualità e Industrie alimentari di DARP ha affermato che questo potrebbe essere un buon momento per il settore, perché alcuni mercati sono diventati molto ricettivi ai prodotti locali e la popolazione è diventata molto sensibile al consumo di frutta e verdura, a causa della pandemia.

Sisco Palau, presidente del Comitato delle drupacee di Afrucat, ha dichiarato: "Ci aspettiamo una campagna perfetta. Avremo frutta di qualità eccellente e una bassa produzione in tutta Europa, con consumatori propensi al consumo di frutta e verdura. Non so proprio cosa potremmo chiedere di più. Quindi, se non approfittiamo di questa campagna, forse i nostri problemi sono ben altri".

Clicca qui per visionare il rapporto completo "Previsioni per il raccolto 2020 delle pesche e nettarine della Catalogna".


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto