Spagna

I settori delle cipolle e delle patate perdono oltre 27 milioni di euro nella Comunita' valenciana

Secondo uno studio condotto dall'Union de Llauradors (Unione degli agricoltori) sulle campagne di cipolle e patate nelle aree di produzione della Comunità valenciana, in Spagna, i produttori hanno perso oltre 27 milioni di euro (quasi 19 milioni di euro nelle provincia di Valencia, 7,1 ad Alicante e 2,4 a Castellon).

Quest'anno, i prezzi pagati ai produttori di cipolle e patate per le loro colture, sono bassi. Di conseguenza, molte colture sono state distrutte o sono andate perse, a causa della mancanza di acquirenti. E' difficile raccogliere le cipolle ora: il calibro grande non ha prezzo e quelli medi e piccoli vengono quotati al massimo tra 0,10 e 0,13 euro/kg (IVA inclusa) in campo, una quotazione inferiore di oltre il 50% rispetto alla stessa settimana dell'anno scorso.

Nel frattempo, i prezzi delle patate sono costantemente diminuiti, e non vanno oltre 0,17 euro/kg. La tendenza al ribasso è continuata con il passare dei giorni, e le quotazioni risultano inferiori del 60% rispetto alla stessa settimana della scorsa stagione.

Nelle regioni produttrici di Valencia, le perdite di cipolle ammontano a 11,6 milioni di euro, 2,5 milioni ad Alicante e 768mila euro a Castellon. Per le patate, le perdite ammontano a 7,3 milioni di euro a Valencia, 4,6 milioni di euro ad Alicante e oltre 702mila euro a Castellon.

Queste perdite sono in forte contrasto con l'aumento del prezzo pagato dai consumatori, fino all'1.120% e il 900% in più rispettivamente per le loro cipolle e patate, rispetto ai prezzi alla produzione, come ha verificato La Unió.

Inoltre, poiché la campagna delle cipolle è in anticipo, i supermercati hanno ancora molto prodotto proveniente da Nuova Zelanda, Perù e Paesi Bassi. Una situazione che potrebbe verificarsi anche per le patate, sebbene si potrebbe puntare alla produzione nazionale. Va notato che molte aziende che forniscono questi prodotti, li importano su vasta scala. Quindi, immagazzinano tuberi e bulbi e non acquistano le cipolle o le patate nazionali fino a quando non hanno venduto le scorte, o fanno pressione sui produttori affinché i prezzi scendano.

Quasi il 70% delle patate prodotte nella Comunità valenciana riguarda varietà precoci, il 95% delle cipolle è di varietà Grano, e il resto sono cipollotti. Entrambe le colture sono state fortemente colpite dalla crisi Covid-19, poiché le esportazioni sono diminuite a causa delle limitazioni degli spostamenti, e alcuni dei principali canali di vendita -Horeca e mercati locali - hanno fortemente risentito della crisi. Gli unici ad aver aumentato le vendite sono le catene di supermercati che acquistano dai grandi fornitori nazionali o europei, motivo per cui i consumatori trovano sugli scaffali dei supermercati così tanti prodotti provenienti dall'estero.

L'Unione europea ha adottato delle misure per stabilizzare il mercato delle patate, ma solo per quelle da industria, che non includono quelle coltivate nella Comunità valenciana, poiché sono principalmente destinate al consumo fresco.

Negli ultimi quindici anni, nella Comunità valenciana, la produzione media delle patate è stata di circa 65.000 tonnellate, coltivate su poco più di 2.200 ettari. Nel frattempo, la produzione media di cipolle si è attestata su circa 67.300 tonnellate coltivate su quasi 2.200 ettari. Le aree più importanti per la produzione di patate sono Horta (37%), Vega Baja (19%), Vinalopo (12%), Ribera Baixa (7%) e Baix Maestrat (6%), mentre le aree più importanti per la produzione di cipolle sono Horta (47%), Vega Baja (13%) e Baix Maestrat (13%).


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto