Un nuovo test potrebbe garantire l'avocado perfetto

Una tecnica per valutare la maturazione degli avocado potrebbe ridurre gli sprechi fino al 10% e aiutare a soddisfare la domanda di frutta di IV gamma da parte dei consumatori. Sviluppata e testata dalla Cranfield University, la tecnologia utilizza un laser e una piccola vibrazione per testare la frequenza di risonanza dei singoli frutti, fornendo una valutazione affidabile del grado di maturazione, senza danneggiare l'avocado.

Attualmente, viene sprecato fino al 30% degli avocado, a causa dei danni causati dai test durante la selezione, con un'ulteriore perdita del 5% al dettaglio. Il modo attuale di valutare la maturazione è attraverso un dispositivo pneumatico che preme sul frutto, o con test manuali.

La Cranfield University ha adattato una tecnologia utilizzata più di frequente nelle fabbriche automobilistiche, per testare l'uniformità di grandi parti ingegnerizzate. Il vibrometro laser doppler (LDV) irradia la luce laser sul frutto per misurare la luce rifratta e usa piccole vibrazioni per testare la frequenza di risonanza. Le vibrazioni sono causate da un semplice dispositivo pneumatico che preme sul frutto. Il test LDV ha dimostrato di prevedere con precisione il raggiungimento della fase del prodotto pronto per il consumo.

Il prof. Leon Terry, direttore ambiente e agroalimentare dell'Università di Cranfield, ha dichiarato: "I frutti duri creano una frequenza superiore rispetto a quelli morbidi, quindi abbiamo calcolato la frequenza perfetta per un avocado maturo e l'abbiamo misurata accuratamente con il test LDV. Lasciare intatto il frutto è un grande vantaggio e riduce notevolmente gli sprechi. Il test che abbiamo sviluppato potrebbe essere applicato anche ad altri frutti".

Con il Regno Unito che importa quasi 100.000 tonnellate di avocado all'anno, e con una richiesta in crescita, la previsione sulla maturazione avvantaggia fornitori e rivenditori. Come prodotto costoso, l’avocado si muove su nastri trasportatori, su un’unica fila, il che significa che il vibrometro laser può testarli singolarmente. Da lì, per separare i frutti maturi da quelli non maturi, potrebbe essere utilizzato un meccanismo di selezione automatica che in parte già esiste.

La dott.ssa Sandra Landahl, ricercatrice, ha aggiunto: "Abbiamo testato l'accuratezza del vibrometro su una vera linea di produzione, in condizioni di laboratorio, e il metodo ha un potenziale reale e, senza danneggiare il frutto, fornisce delle accurate misure del grado di maturazione. Inoltre potrebbe essere sviluppato un semplice sistema a "semaforo", per classificare i frutti in quelli che sono maturi, da scartare o immagazzinare, aiutando l'industria a combattere gli sprechi alimentari, già a questo livello della filiera".

La Cranfield University collabora alla gestione della nuova rete BBSRC per la qualità e lo spreco alimentare, una nuova iniziativa per mettere in contatto i ricercatori con l'industria, al fine di trovare soluzioni alle enormi sfide legate allo spreco alimentare nella catena di approvvigionamento agroalimentare.

In tema, sulla rivista Biosystems Engineering è stato pubblicato l'articolo, "Selezione non distruttiva degli avocado maturi mediante la vibrometria laser doppler" ( 'Non-destructive discrimination of avocado fruit ripeness using laser Doppler vibrometry').

Per maggiori informazioni:
Cranfield University
Tel: +44 (0)1234 754999 
Email: mediarelations@cranfield.ac.uk  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto