Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I prodotti potrebbero rimanere bloccati nei porti

Un coprifuoco troppo prolungato causerebbe gravi perdite alle esportazioni cilene di frutta in India

Gli importatori indiani sono sempre alla ricerca di nuovi mercati da cui attingere. Pur continuando ad acquistare mele dalla Polonia, un’azienda d’importazione, la Saurabh Fruitways, ha deciso di importare mele e altri frutti dal Cile, per venderli sul mercato indiano. Dopo essere stati in Cile per mesi, ora stanno affrontando delle sfide difficili, poiché l'India ha bloccato tutti i trasporti non per una, ma forse per tre settimane.

Dopo aver trascorso diversi anni in Polonia, Saurabh Tanwar ha deciso di affermarsi sul mercato cileno. La sua azienda, la Saurabh Fruitways, ha deciso di cominciare a importare mele e altri frutti dal Cile all'India.

Dopo aver trascorso due mesi in Cile, Tanwar è entusiasta dei prodotti: "Secondo me, le mele cilene sono migliori di quelle polacche ed europee, soprattutto a livello di qualità. Il Cile è un Paese indenne da malattie in agricoltura, ma quest'anno ha dovuto affrontare la siccità. Molti coltivatori sono stati colpiti, e lo si vede dai calibri e dalla colorazione delle mele. Secondo le nostre statistiche, il Cile difficilmente produrrà mele di categoria premium in questa stagione, cioè dotate di una colorazione superiore all'80%. C'è stata anche una produzione notevolmente più bassa di mele di qualità Extra Fancy. Si è avuto un massimo del 3 al 4% della produzione di Royal Gala di categoria premium in tutto il Cile, con solo il 30-40% di qualità Extra Fancy".

"La raccolta cilena è già iniziata e, al momento, l'esportazione in India va per la maggiore. All'inizio di febbraio è iniziata la raccolta della Royal Gala. Secondo le nostre informazioni, la prima spedizione in India è stata caricata nella terza settimana di febbraio. In generale, ci siamo trovati anche in ritardo con i nostri piani di arrivo in Cile e, da oggi, tutto il volume delle Royal Gala è andato esaurito".

"In questo momento, siamo nel bel mezzo della raccolta delle Red Delicious e l'esportazione dovrebbe iniziare verso la fine di marzo. In quel periodo, inizierà anche la raccolta dei kiwi", spiega Tanwar.

La Fruitways si sta infatti anche preparando ad aggiungere il kiwi alla sua offerta, particolarmente interessante per il mercato indiano. "Abbiamo circa 35-40 container di volumi di Gala, Red Delicious e kiwi. L'India è un buon mercato per questi frutti. Il kiwi è molto interessante, poiché la nuova imposta sul valore aggiunto è ora inferiore se la merce proviene dal Cile. Per il kiwi cileno, l'imposta è del 15%, mentre per altre origini è del 33%".

Nonostante abbia trascorso gli ultimi due mesi in Cile, la Fruitways continuerà a lavorare con le mele polacche. "Non abbiamo intenzione di lasciare la Polonia, ma il Cile e la sua agricoltura ci hanno sbalordito. Abbiamo cambiato completamente i nostri piani. La Polonia è aperta al commercio con l'India solo per le mele, mentre il Cile può esportare la maggior parte dei suoi prodotti, in India: mele, kiwi, mirtilli, avocado e uva da tavola. Il Cile è un produttore primario, in frutticoltura. Il nostro piano è mantenere le nostre attività e i volumi per il 30% in Polonia, e per il restante 70% in Cile", spiega Tanwar.

"Come Fruitways, saremo operativi in ​​Polonia solo 3-4 mesi all'anno, quando la stagione raggiungerà il picco, e manterremo gran parte delle nostre attività in Cile per gli altri nove mesi. Lavoriamo in Cile tutto l'anno e possiamo persino espandere la nostra offerta per esportare i prodotti anche in altri mercati oltre all'India, come Europa, Asia-Pacifico e Medio Oriente".

Dato che è il primo anno che la Fruitways importa frutta dal Cile, ha dovuto affrontare alcune difficoltà. Di recente, Tanwar ha avuto la notizia preoccupante che non si riuscirà a spedire alcun prodotto in India, nella prossima settimana, e forse anche per diverse settimane a seguire.

"Il Coronavirus ci sta colpendo molto duramente, anche se molti Paesi riescono a sopravvivere, a livello commerciale. Le nostre relazioni commerciali tra Cile e India sono molto solide, ma attualmente il Covid-19 è la vera barriera. Abbiamo ricevuto le seguenti informazioni ufficiali dalla nostra agenzia delle dogane in India:

Gentilissimi,

Tutti i dipartimenti, i servizi doganali dell'India, il Plant Quarantine, FSSAI sono chiusi fino al 31 marzo, e c’è un’alta probabilità di proroga di tale periodo, dal 15 aprile fino a nuova comunicazione. Sarete aggiornati in seguito su eventuali notizie positive".

"Quindi non siamo sicuri di come sarà la situazione nelle prossime settimane. Siamo tutti confusi. Domenica 22 marzo, il Primo Ministro dell'India ha annunciato un lockdown totale per l'intero Paese. Tutti i mercati della frutta sono chiusi in tutte le zone dell'India, compresi i principali mercati come Azadpur Market Delhi, APMC Vashi Mumbai, Anna Market Chennai e Electricity Bangalore".

"Speriamo che tutto torni alla normalità entro il 15 aprile, ma se il coprifuoco verrà prolungato, ciò porterebbe sicuramente a delle pesanti perdite, per le nostre esportazioni cilene. Lo stesso è successo di recente con le ciliegie del Cile, che sono arrivate in Cina ma poi sono rimaste bloccate nei porti. Non vogliamo una situazione simile con i nostri prodotti. Numerosi ordini dall'India sono già stati annullati dagli importatori, per evitare ogni eventuale rischio che le merci non arrivino. Dato che questo è il nostro primo anno in Cile, non è un ottimo inizio. Siamo preoccupati e confusi, ma speriamo che le attività possano riprendere prima di maggio".

Per maggiori informazioni:

Saurabh Tanwar
Fruitways
Tel: +56 9 8894 6256
Email: saurabh@fruitways.pl 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto