Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Una testimonianza dai Paesi Bassi

Agire subito per quanto riguarda il commercio delle erbe aromatiche

"L'intenzione è quella di non buttare via niente, se non si è proprio costretti". A dichiararlo è Luc Monden del vivaio olandese di erbe aromatiche De Kruidenaer. Eppure, questo può benissimo accadere, soprattutto se non si trova rapidamente un'alternativa di vendita. Il che appare necessario per le erbe aromatiche che si trovano nella serra di questa azienda situata a Etten-Leur, nei Paesi Bassi.

"Per come stanno ora le cose, la scorsa settimana ci sono rimasti invenduti dai 2.000 ai 2.500 kg di basilico - il nostro prodotto più importante. E il momento in cui dovremo iniziare a gettare via il nostro prodotto si avvicina sempre di più".

Ecco perché l'azienda è alla febbrile ricerca di alternative di vendita. Sperano che il loro messaggio su LinkedIn possa fornire un'alternativa. "Non siamo tanto interessati a vendere la merce, anche se sarebbe gradito. Cerchiamo persone che sarebbero felici di ricevere questo nostro ottimo prodotto, pur di non gettarlo via", spiega Luc.


Foto: basilico nella serra del vivaio. Fonte: LinkedIn 

Cancellazioni dal settore alberghiero, ordini al dettaglio in lento aumento
Altri esercizi ricettivi locali e d'oltremare hanno chiuso all'inizio della scorsa settimana, a causa della pandemia Covid-19. Da allora, le cancellazioni da parte dei clienti del servizio di ristorazione sono arrivate in un flusso continuo, presso la De Kruidenaer. "E continuano anche gli annullamenti e la riduzione di un numero sempre maggiore di ordini fissi".

Fortunatamente, per questo vivaio di erbe aromatiche, più della metà delle vendite non va al settore alberghiero. I rivenditori, per esempio, acquistano dall'azienda come al solito. "In realtà, la maggior parte di loro ogni giorno aumenta un po' gli ordini".

La logistica tramite intermediari e trasporto aereo è ancora buona
Inoltre, De Kruidenaer non sta ancora riscontrando problemi di trasporto, dice Luc. "Gran parte del nostro commercio estero avviene tramite intermediari e sono loro a gestire ancora la logistica". Questo vale anche per le importazioni. "Coltiviamo basilico tutto l'anno. Al momento abbiamo il nostro cerfoglio, altrimenti lo importiamo. L'ottanta per cento viene trasportato su strada, il resto viene spedito per via aerea. Attualmente, il trasporto aereo è ancora buono".

90% in meno nella domanda di menta
Il coltivatore di erbe aromatiche, tuttavia, importa molto meno per quanto riguarda altre varietà. Ciò sempre in risposta al calo della domanda. "La menta è uno dei nostri principali prodotti di importazione. Attualmente stiamo assistendo a una domanda inferiore del 90%. Se il settore alberghiero viene a mancare, infatti, nemmeno la menta si vende. Questo è un problema, per noi. Ma lo è maggior ragione per il nostro coltivatore in Spagna, che si trova davvero nei guai. Non coltiva la menta solo per noi".

Raccolta e surgelazione
Come detto, il basilico è il prodotto principale di De Kruidenaer. E' sempre stata un'erba che, ad esempio, non sopporta bene la surgelazione. Si tratta però di un processo cui possono essere sottoposte altre erbe aromatiche. "Il basilico annerisce, quando lo si mette in frigorifero. Quindi non può essere congelato facilmente - spiega Luc - Stiamo cercando di capire come procedere per surgelare questo prodotto. Ci concentriamo su un prodotto fresco, con una breve durata di conservazione. Questo ci costringe a iniziare a raccogliere ora. Quindi, ci piacerebbe sapere se qualcuno abbia delle idee su come congelare questo prodotto".

Possibile ritardo
E' plausibile ritardare il processo di coltivazione, in previsione di ciò che potrebbe accadere? "Sì, lo stiamo certamente considerando. Possiamo rallentarlo un po'. Continueremo a raccogliere e a coltivare, ma tutto sarà più lento del solito. Possiamo controllare e ritardare tutto questo con, per esempio, una modalità leggermente modificata. Questo è il vantaggio che abbiamo rispetto alla coltivazione in pieno campo".

C'è altro? "Ora è solo questione di attendere. Inoltre, stiamo cercando di mantenere il più possibile i contatti con i nostri clienti. Cerchiamo di non fare troppa pressione, perché tutti fanno fatica. Come per esempio anche i fruttivendoli e i venditori di frutta e verdura della zona - conclude Luc - A volte anche loro comprano da noi".

Per maggiori informazioni:
De Kruidenaer
Web: www.kruidenaer.nl 

Luc Monden
Email: luc@kruidenaer.nl


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto