Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il commento di Gijsbrecht Gunter (Holland Onion Association)

Corsa ai rifornimenti nei mercati europei, livelli normali per le esportazioni verso Paesi terzi

Gijsbrecht Gunter della Holland Onion Association ha notato un aumento delle vendite di cipolle dovuto allo scoppio dell'epidemia da Coronavirus, ma ha anche presente i problemi che ne deriveranno per il settore del commercio delle cipolle. "Alcune aziende assumono molta manodopera e potrebbero trovarsi ad affrontare una carenza".

"Questo perché molti dei loro lavoratori provengono da altri Paesi, come Polonia e Romania. La scorsa settimana, queste persone sono tornate a casa. C'è, quindi, una capacità di trasformazione inferiore in alcune aree. Ma la logistica, sia su strada che via mare, è attualmente il problema più grande. Ci sono meno autisti, il che rende il trasporto molto più impegnativo. Presto, probabilmente, diventerà anche più costoso".

"Si dovrebbe fare una distinzione tra tre mercati quando si tratta di vendite. Ci sono i Paesi Bassi (5-10%), l'Europa (25-30%) e l'export (60-70%). Nel mercato olandese, vediamo che le persone corrono a rifornirsi di cipolle, prodotti molto sani e che si conservano bene. Si abbinano bene con la pasta e possono essere immagazzinate. In breve, questi diversi fattori spiegano la domanda in crescita. Potrebbe essere un effetto temporaneo. Non si può escludere una battuta d'arresto fra alcune settimane o mesi", afferma Gijsbrecht.

"Alcune aziende che riforniscono i supermercati, a volte riescono a malapena a tenere il passo con la domanda. Queste spesso organizzano il trasporto direttamente con il supermercato e, quindi, non si creano grandi difficoltà. Al momento, il canale Horeca non richiede cipolle perché le attività sono tutte chiuse. Ma rappresentano un segmento abbastanza piccolo rispetto alle vendite totali".

"Anche in Europa c'è una domanda notevolmente superiore al normale. Molti trasformatori hanno chiuso, soprattutto nell'Europa orientale. Pertanto la domanda si è spostata verso le società di trasformazione olandesi. Chi rifornisce i mercati olandesi ed europei ha quindi molto lavoro. Il rischio maggiore rimane l'incertezza riguardo alle normative. Quali saranno le misure che i Paesi prenderanno nei prossimi giorni e settimane? La chiusura delle frontiere porterà a un blocco delle esportazioni?", spiega Gunter.

"Al momento, la maggior parte delle esportazioni di cipolle olandesi sono dirette soprattutto verso Paesi terzi. Le cipolle olandesi vanno in 140 destinazioni in tutto il mondo, per tutto l'anno. La domanda che arriva dal resto del mondo non è molto diversa dal solito. Abbiamo, tuttavia, il maggior numero di esportazioni di sempre, in questa stagione. Ma ciò è dovuto ad altri fattori diversi dal Coronavirus".

"L'aumento della domanda che si registra nei Paesi Bassi e nell'Ue, non è tale in altre parti del mondo. Alcune persone ritengono che vi sia una maggiore domanda dall'Africa. Ma ciò è dovuto al Ramadan, che inizia ad aprile, più che al Coronavirus", continua il presidente della Holland Onion Association.

"Ma, al di fuori dell'Europa, c'è ancora molto da scoprire sulla diffusione di questo virus. Inoltre, non è chiaro quali misure potrebbero prendere questi Paesi, ad esempio, l'Africa (occidentale) che ritira molte cipolle. Lì, il primo caso di Covid-19 casi è stato segnalato solo di recente. Il virus è scoppiato in Cina a metà gennaio".

"Inoltre, il numero di container disponibili (refrigerati) è diminuito. Questi fattori, e la crescente domanda europea, alla fine hanno portato a un aumento dei prezzi delle cipolle. Ciò sta frenando la domanda d’esportazione da Paesi lontani", conclude Gijsbrecht.

Per maggiori informazioni
Gijsbrecht Gunter
Holland Onion Association
Email: gagunter@gmail.com 
Web: holland-onions.org


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto