Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Numeri record per le esportazioni neozelandesi di frutta e verdura

Nel 2019, la Nuova Zelanda ha esportato una quantità record di frutta e verdura fresca, per un totale di 1,38 milioni di tonnellate, il cinque per cento in più rispetto al 2018, superando anche il record del 2016. Nel 2019, queste esportazioni hanno rappresentato un valore di 2,4 miliardi di dollari neozelandesi. Il kiwi è di gran lunga il prodotto più importante, in valore, con una quota del 44%.In termini di volume, rappresenta il 60%. 

L'anno scorso, tuttavia, l'esportazione di kiwi di 610.000 tonnellate è risultata leggermente in calo. Nel 2019, la Nuova Zelanda ha esportato 620.000 tonnellate. Le mele sono il secondo prodotto esportato. Nel 2018, è stato spedito all'estero un numero record di mele. Questi numeri hanno superato del sei per cento quelli dell'anno scorso. Le esportazioni di mele sono state pari a 430.000 tonnellate nel 2019.

Le 187.000 tonnellate di cipolle esportate dalla Nuova Zelanda lo scorso anno, hanno superato quelle del 2018. Ma, non molto tempo fa, erano oltre 200.000 tonnellate. Molto dietro questi primi tre prodotti, c'è la zucca, almeno per le quantità. In valore, le ciliegie superano persino le cipolle. Queste sono seguite dall'avocado. Nel 2019, sono state esportate quasi 22.000 tonnellate di questo prodotto, una quantità maggiore rispetto ai due anni precedenti, ma uguale a quella del 2016. Anche i mirtilli stanno guadagnando terreno in Nuova Zelanda. Le 2.150 tonnellate esportate non sono tuttavia alte come potrebbero essere.

Sempre più verso il sud-est asiatico
Più della metà delle esportazioni di frutta e verdura fresche della Nuova Zelanda va nei Paesi dell'Asia meridionale e orientale. Negli ultimi anni, la quota di questa regione non ha fatto altro che aumentare. I totali dello scorso anno hanno raggiunto le 720.000 tonnellate, l'11% in più rispetto al 2018. L'Unione europea è la seconda area di vendita della Nuova Zelanda. Le esportazioni verso questa regione, tuttavia, sono leggermente diminuite. Insieme, queste regioni rappresentano l'85% della quantità totale di frutta e verdura fresca esportata dalla Nuova Zelanda.

Tuttavia, non sono chiari i dati dei singoli Paesi. L’ufficio statistico della Nuova Zelanda specifica che alcuni prodotti d’esportazione vanno in UE, ma non riportano i singoli Paesi di destinazione. Tuttavia, questo riguarda principalmente le esportazioni verso il Belgio. L'anno scorso, la Nuova Zelanda ha inviato circa 200.000 tonnellate di merce fresca in Giappone, lo stesso volume del 2018.

30% in più in Cina
L'anno scorso, la Cina è stato un mercato in crescita per i prodotti della Nuova Zelanda. Le esportazioni verso quel Paese sono aumentate del 30%, raggiungendo le 175.000 tonnellate. Il forte aumento del 30% delle esportazioni (dirette) nel Regno Unito è sorprendente, fino a 68.000 tonnellate. Insieme, Taiwan, gli Stati Uniti e i Paesi Bassi sono andati bene, superando le 60.000 tonnellate.

L'anno scorso, oltre 330.000 tonnellate (55%) delle esportazioni totali di kiwi dalla Nuova Zelanda sono state destinate ai Paesi del sud-est asiatico, leggermente superiori rispetto al 2018. Nell'Unione Europea sono state vendute 212.000 tonnellate di questo frutto, il sei per cento in meno rispetto all'anno precedente. Del numero totale di kiwi neozelandesi esportati, il 90% è destinato a queste due regioni del mondo. Nel sud-est asiatico, Giappone e Cina sono i due acquirenti più importanti. Questi due Paesi sono seguiti a distanza dalla Corea del Sud e da Taiwan. A seguire, gli Stati Uniti e l'Australia.

Sempre più mele
Nel 2019, la Nuova Zelanda è stata in grado di vendere all'estero il sei per cento in più di mele, rispetto al 2018. Il notevole aumento delle esportazioni in vari Paesi del sud-est asiatico, è particolarmente sorprendente. In quella regione, sono soprattutto la Thailandia, il Vietnam e Hong Kong ad aver acquistato la maggior parte delle mele dalla Nuova Zelanda. A differenza dell'India dove, nel 2019, le esportazioni di mele della Nuova Zelanda sono diminuite di oltre un terzo.

La Royal Gala è la varietà di mele da esportazione più importante della Nuova Zelanda. Con 132.000 tonnellate, l'anno scorso è stata esportata una quantità record di questo prodotto. In particolare, le vendite di Royal Gala nei Paesi Bassi sono andate bene nel 2019. Le esportazioni della Braeburn sono diminuite, dopo l’aumento registrato nel 2018. Ciò riguarda principalmente le vendite nei Paesi dell'UE.

Le Fuji sono al terzo posto. La Nuova Zelanda invia questa varietà di mele principalmente ai Paesi asiatici, e Taiwan è il principale acquirente. Il Regno Unito è il mercato più importante della Nuova Zelanda per le varietà Jazz e Pink Lady. Le esportazioni della Jazz sono diminuite del dieci per cento. Ma quelle della Pink Lady sono aumentate della stessa percentuale.

Le esportazioni di cipolle recuperano, molte spedizioni nei Paesi Bassi
Le esportazioni di cipolle della Nuova Zelanda hanno avuto un forte rialzo lo scorso anno, rispetto al 2018, anno però che ha registrato quantità minime di esportazione di questo prodotto. Con 40.000 tonnellate, i Paesi Bassi sono stati i principali acquirenti di cipolle della Nuova Zelanda, seguiti da Indonesia, Germania e Regno Unito.

Clicca qui per il rapporto completo. 

Per maggiori informazioni:
Jan Kees Boon
Fruit and Vegetable Facts
Website: www.fruitandvegetablefacts.com 
Email: fruitvegfacts@gmail.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto