Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le mele bio della Polonia potrebbero entrare nel mercato mediorientale dalla prossima stagione

In Polonia, il settore delle mele biologiche ha dovuto affrontare le stesse sfide degli esportatori di mele convenzionali. La stagione potrebbe concludersi un paio di mesi in anticipo rispetto all'anno scorso, quando il Paese registrò un raccolto eccezionale.

I problemi della stagione polacca delle mele non hanno colpito solo le mele convenzionali. Secondo Natalia Bagmut, responsabile alle vendite della Ewa-Bis, le conseguenze sono state avvertite anche nei settori del biologico e dell'industria del trasformato: "La stagione è stata più impegnativa, in quanto abbiamo avuto un raccolto inferiore a quello a cui siamo abituati. Il settore dell'industria biologica, con le mele destinate al succo, è stato gravemente colpito. C’è stato circa il 70% in meno di volumi per queste colture. Il volume della purea bio è stato appena sufficiente per soddisfare i clienti".

"La mela da mensa bio ha molta più concorrenza dall'Italia, quest'anno. In questa stagione abbiamo anche ampliato il nostro assortimento, includendo le pere bio. Con il nostro marchio Grupa Owoce Natury, in questa stagione abbiamo esportato 7.000 tonnellate, quantità simili alla scorsa stagione. Le varietà più popolari in questa stagione sono state Golden, Gala Royal e Jonagold, per le pere la Conference".

A causa dei volumi inferiori, Bagmut prevede che la stagione si concluderà un paio di mesi prima rispetto allo scorso anno. "Quest'anno, insieme alle grandi sfide legate alla riduzione dei volumi, la qualità delle mele in Polonia è stato un altro problema, soprattutto nella seconda parte della stagione, a causa delle condizioni meteo del 2019, ma è per questo che stiamo pianificando di terminare la stagione entro la fine di aprile 2020. Per darvi l'idea di cosa significhi invece un raccolto eccezionale, le mele della stagione 2018 le abbiamo terminate nell'estate del 2019".

Con la stagione quasi terminata, Bagmut spera in una campagna migliore per il 2020. Vorrebbero avere un appoggio in un mercato extraeuropeo. "In questa stagione ci siamo concentrati principalmente sui mercati europei, avendo la Germania come primo acquirente sul mercato. In futuro vorremmo espanderci, ma questo dipenderà dalla qualità dei frutti. Se saranno abbastanza buoni, vorremmo entrare nei mercati del Medio Oriente, dove già conoscono la frutta fresca polacca, e ne gradiscono il sapore. Tuttavia, anche in Europa sta crescendo la popolarità delle nostre mele da mensa e delle mele destinate alla trasformazione industriale. Il nostro obiettivo è mantenere standard elevati grazie alla qualità, alla disponibilità fino a maggio, e ad un prezzo equo".

Con il Coronavirus che domina i notiziari, la Ewa-Bis ha adottato diverse misure per proteggere i propri dipendenti. Tuttavia Bagmut ha anche notato un aumento della domanda: "Ci sforziamo di trovare un equilibrio tra panico e buon senso. La sicurezza dei nostri dipendenti è una priorità, per noi. Il consiglio di amministrazione dell'azienda ha introdotto delle norme in tal senso, basate su ordinanze statali, e i regolamenti da applicare al comparto lavorativo dell'azienda, in caso di pandemia. Disponiamo di strumenti moderni che consentono ai nostri dipendenti di lavorare da casa. Da un punto di vista commerciale, abbiamo assistito a un aumento significativo degli ordinativi dei clienti. Dato che i consumatori stanno accumulando scorte di cibo, è normale che questa corsa all'acquisto si rifletta sugli ordinativi".

Per maggiori informazioni:
Damian Kozlowski
Grupa Owoce Natury
Ewa-Bis
Tel: + 48 668 117 500
Email: damian.kozlowski@ewabis.com.pl 
www.owocenatury.eu  


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto