Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Misure anti-Coronavirus: perplessita' sulle norme per i conducenti alla guida dei tir

Secondo l'associazione di categoria TrasportoUnito, ci sarebbero alcune contraddizioni normative nelle misure che il Governo ha deciso di applicare al fine di limitare l'espandersi del contagio del Covid-19 in Italia.

Secondo TrasportoUnito, pretendere che il conducente viaggi con l'autocertificazione a portata di mano equivarrebbe a chiedere a ogni persona, già seduta al proprio posto di lavoro, di esibire la sua autocertificazione. Il conducente che è seduto al posto di guida del suo camion, infatti, è già nel suo posto di lavoro. 

Paradossalmente, si potrebbe pretendere la firma di un'autocertificazione per i conducenti nel momento che compiono il tragitto fra casa e il parcheggio o il piazzale dove si trova il mezzo che si apprestano a guidare.

Considerato che l'Ordinanza della Protezione Civile, la nota esplicativa del MIT e della Farnesina hanno precisato che il trasporto delle merci è da considerarsi come una "comprovata esigenza lavorativa", la conseguenza è quindi che il personale che conduce i mezzi di trasporto, nell'ambito delle attività di guida, consegna o prelievo delle merci, non deve compilare il modulo di autocertificazione, in quanto le attività professionali sono già oggetto di registrazione documentale.

TrasportoUnito si assume la responsabilità nei confronti dei suoi associati dell'interpretazione di cui sopra, per ovviare alla confusione e inutile dispendio organizzativo che, anche sotto questo aspetto, si sta ingiustificatamente verificando nella catena logistica del Paese.

Ciò è confermato nella note esplicative dei Ministeri dei Trasporti ed Affari Esteri, nelle quali si precisa che "Le merci possono entrare e uscire dai territori interessati. Il trasporto delle merci è considerato come un'esigenza lavorativa: il personale che conduce i mezzi di trasporto può quindi entrare e uscire dai territori interessati e spostarsi all'interno degli stessi, limitatamente alle esigenze di consegna delle merci".

Del tutto incomprensibili, secondo TrasportoUnito, anche le norme che obbligano i conducenti a dotarsi di mascherine (ovviamente introvabili nel modello previsto) quando entrano nei centri di carico e scarico delle merci. E ancora più contraddittoria la norme che impongono la chiusura delle aree di servizio su autostrade e strade a grande scorrimento alle ore 18. Il che significa obbligare i conducenti a non rispettare la norma basilare relativa al suggerimento di lavare le mani e mantenere i più alti livelli di igiene, condannando invece conducenti nell'esercizio del loro lavoro a comportarsi nei modi diametralmente opposti e a utilizzare le piazzole di sosta come "orinatoi a cielo aperto".

Fonte: TrasportoUnito

 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto