Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Si temono danni da gelo a marzo

L'inverno piu' caldo degli ultimi 120 anni puo' causare problemi ai produttori di lamponi norvegesi

L'inverno è stato mite e umido in tutta la Norvegia. Con temperature più alte di 4,5 °C rispetto al normale e i record invernali sono stati superati in tutte le regioni, fatta eccezione per la Norvegia settentrionale. Il periodo tra dicembre e marzo, inoltre, è stato il più umido registrato da quando l'istituto meteorologico ha cominciato le misurazioni nel 1900.

Lo si è notato a Njøs, il centro di coltivazione nazionale della frutta norvegese che si trova a Leikanger, nella Norvegia occidentale. Alla fine di gennaio i boccioli delle susine più precoci hanno cominciato ad aprirsi, mentre i fiori di pere e lamponi sono cresciuti rapidamente.

Stein Harald Hjeltnes, direttore di Njøs, ha dichiarato: "E' diventato un problema per i lamponi. Al grado di sviluppo raggiunto finora da questa coltura, è possibile che si verifichino danni dovuti al gelo. Ciò significa che marzo sarà un mese cruciale".

Si temono gelate notturne a marzo
Secondo Hjeltnes la primavera è particolarmente entusiasmante per i coltivatori di lamponi. "L'inverno mite può rivelarsi positivo o negativo. Il clima è primaverile e il gelo può danneggiare le piante, soprattutto quelle che vengono coltivate più nell'entroterra".

Hjeltnes descrive l'inverno come un periodo di transizione per le piante, quando i germogli sono a riposo tra dicembre e metà gennaio. Tuttavia, con un inverno mite come quello di quest'anno le piante si sviluppano più rapidamente del normale. Anche se ciò non significa che si avrà un raccolto precoce, perché una gelata pesante può danneggiare notevolmente le piante di lampone.

"Marzo è solitamente un mese cruciale con giornate calde e soleggiate e notti fredde. Nel caso peggiore i germogli possono anche morire, sicuramente nelle zone lontane dai fiordi".

Paura delle malattie fungine
I mesi invernali sono stati anche umidi. Rispetto alla media del periodo tra il 1961 e il 1990, quest'inverno è stato più umido di circa il 70%. Diversi centri di misurazione situati nella parte occidentale e in quella settentrionale della Norvegia hanno registrato una percentuale di precipitazioni più alta del 250-300% rispetto al normale. Il clima mite ha anche fornito buone opportunità di crescita per un'altra minaccia per i frutticoltori, ovvero le fitopatie fungine. Un'altra difficoltà è rappresentata dal suolo troppo umido per potere lavorare con i macchinari.

Hjeltnes: "Per potere tenere sotto controllo la resa stagionale bisogna agire per tempo con la protezione delle colture. L'applicazione tardiva dei prodotti fitosanitari potrebbe rendere difficile l'intera stagione".

La stagione può ancora svilupparsi normalmente
"Se non gela troppo e troppo spesso e se i produttori possono adottare misure in tempo per proteggere le loro piante – aggiunge Hjeltnes – allora un inverno mite e umido non fa molta differenza per gli alberi da frutto".

Siccome la natura è in grado di recuperare, la stagione può ancora svilupparsi normalmente. Un buon esempio sono i germogli di susina che quest'anno si sono aperti con due mesi di anticipo rispetto all'anno scorso. "Quando i germogli sono così piccoli non ci vuole molto per rallentarne lo sviluppo. Per esempio, nelle ultime settimane non è successo quasi niente".

Fonte: nrk.no


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto