Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

IGF lo rende possibile:

Nuovo meccanismo di difesa contro il norovirus su frutta e verdura

Un gruppo di ricerca guidato dalla dott.ssa Barbara Becker dell'Università tecnica della Vestfalia orientale-Lippe, a Lemgo, ha lavorato su una possibilità innovativa: nell'ambito di un progetto finanziato dalla Federazione tedesca delle associazioni di ricerca industriale (IGF), il team ha studiato se e in quale misura i norovirus su frutti e ortaggi contaminati possano essere disattivati da perossido di idrogeno spruzzato a freddo.

I norovirus resistono a diversi meccanismi di difesa: possono resistere sia al congelamento fino a -50°C, che al riscaldamento prolungato a 200°C. Possono anche sopravvivere al di fuori del loro ospite per più di una settimana. 

I patogeni, che si rilevano in tutto il mondo, sono responsabili nell'uomo della maggior parte delle infezioni gastrointestinali non batteriche. Si stima che tra il 20 e il 40% di tutte le malattie da norovirus siano causate da alimenti contaminati, in particolare frutta e verdura non trasformate o congelate.

Mele, cetrioli, mirtilli e fragole contaminati da norovirus in una prova su piastre multipozzetto / Foto: Technical University of East Westfalia-Lippe

Nel 2018, il Robert Koch Institute (RKI) ha ricevuto 77.583 casi di norovirus: 25 di questi sono stati fatali (solo malattie confermate in laboratorio; i numeri dei casi effettivi sono stimati significativamente più alti; fonte: annuario epidemiologico sulle malattie infettive per il 2018 della RKI).

Molte domande sulle fonti di contaminazione, i metodi di rilevazione e le misure di prevenzione rimangono ancora aperte. Una delle più urgenti è: come possono le aziende che producono e trasformano frutta e verdura disattivare nello specifico i norovirus sui loro prodotti?

Nebulizzazione a freddo di perossido di idrogeno
Un vantaggio particolare dell'agente antimicrobico, già utilizzato per sterilizzare le superfici, disinfettare gli imballaggi e nelle vasche di lavaggio, è che si decompone rapidamente in acqua e ossigeno. Nel suo processo di nebulizzazione a freddo, una soluzione di H2O2 viene convertita in vapori molto fini (microaerosol) a temperatura ambiente, mediante la pressione attraverso speciali ugelli senza condensa.

"Per scoprire se siamo stati in grado di disattivare in modo affidabile il norovirus su frutta e verdura mediante perossido di idrogeno nebulizzato a freddo, abbiamo utilizzato due diversi sistemi di nebulizzazione in cui abbiamo trattato mele, mirtilli, cetrioli, fragole e lamponi, ovvero prodotti con superficie dalle diverse caratteristiche, precedentemente contaminate dal murine norovirus (MNV), preso come virus modello", ha spiegato la prof.ssa Barbara Becker.

"Siamo riusciti a dimostrare che la nebulizzazione a freddo con perossido di idrogeno è adatta a disattivare in modo affidabile i norovirus su frutta e verdura con superfici lisce", ha affermato la microbiologa alimentare. Non sono stati rilevati cambiamenti nel contenuto sensoriale e nutrizionale a causa del trattamento, e non sono stati rilevati residui di perossido di idrogeno sui prodotti trattati.

Il team guidato dalla prof.ssa Barbara Becker è stato in grado di dimostrare, per la prima volta, l'elevata efficacia della nebulizzazione a freddo di H2O2: molti produttori di frutta e verdura, commercianti e aziende di trasformazione - anche nel settore della ristorazione - potranno così beneficiare di questo innovativo processo.

Tuttavia, prima che il processo possa essere utilizzato su scala più ampia, è necessario raggiungere tassi ancora più elevati di disattivazione, anche su prodotti con superfici ruvide.

In un progetto follow-up in collaborazione con l'Università di Lipsia, ad esempio, verrà valutato se i norovirus possano essere disattivati in modo affidabile sui piccoli frutti, mediante un'applicazione combinata di selezionati processi chimici e fisici.

Un progetto per il quale esiste una forte domanda: nel solo 2017, oltre 151.000 tonnellate di fragole, lamponi e mirtilli sono state prodotte e trasformate in Germania, e 137.000 tonnellate sono state importate da tutto il mondo.

Fonte: Forschungskreis der Ernährungsindustrie e.V. Bonn


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto