Jonathan Rhodes, Perlim Noix

Un futuro luminoso per le noci del Périgord sul mercato francese

Perlim significa la mela del Limosino e la noce del Périgord. Il nome del gruppo infatti è una contrazione dei nomi delle due regioni che forniscono ciascuna prodotti che beneficiano della DOP. La mela viene prodotta e commercializzata dai primi anni '60 e, sin dalla fine della seconda guerra mondiale, la famiglia Chauffaile vende anche le noci. Nel 1978, è stata creata la cooperativa Quercy di produttori di noci delle regioni del Limosino e del Périgord, che oggi conta 550 membri e 2.800 ettari di frutteti di noci sparsi soprattutto in quattro dipartimenti: Corrèze, Dordogne, Lot e Charente.

Perlim Noix produce circa 4.000 tonnellate di noci all'anno, mentre la produzione francese conta 40.000 tonnellate all'anno (20.000 tonnellate nel Périgord e 20.000 tonnellate nell'area di Grenoble). Della produzione totale della Perlim Noix, solo il 20% è destinato al mercato francese; la maggior parte della produzione viene esportata. Tuttavia, da un po’ di tempo la situazione si sta evolvendo, in quanto vi è una chiara domanda da parte dei consumatori francesi di prodotti locali, di qualità ed eco-responsabili.

"Il consumo di frutta secca non fa parte delle abitudini di consumo dei francesi, al contrario di altri Paesi europei o del Nord Africa. Ma, da alcuni anni, osserviamo un significativo sviluppo dei consumi in Francia", spiega Jonathan Rhods, direttore della cooperativa Perlim Noix. "Finora, la noce non era esattamente percepita come un prodotto moderno, ma sta lentamente tornando alla ribalta e le vendite sul mercato francese aumentano esponenzialmente. Inoltre, il Périgord è famoso per la sua gastronomia, quindi la noce del Périgord DOP è una garanzia di qualità per il consumatore".

"Incoraggiamo i produttori a piantare"
La produzione mondiale di noci è in aumento. In Cile, ad esempio, è passata da 14.000 tonnellate nel 2004, a 150.000 tonnellate nel 2020. In Francia, negli ultimi 15 anni, ha oscillato tra 38.000 e 42.000 ton all'anno. "Incoraggiamo i nostri produttori a piantare alberi di noci. Ma oggi, gli ettari di nuovi frutteti piantati ogni anno, dai 200 ai 250, sono appena sufficienti a sostituire le perdite subite a causa dei ritiri, ad esempio. Sebbene non possiamo garantire un prezzo ai nostri produttori, perché il mercato delle noci è un mercato globale, li incoraggiamo ad aumentare la loro resa per ettaro. E abbiamo sempre più agricoltori specializzati in arboricoltura e che piantano nuove varietà più produttive".

In effetti, la resa per ettaro varia in modo significativo a seconda delle varietà. "La Franquette è la varietà principale trovata in Francia. Sono necessari dai 10 ai 12 anni perché un noce entri in piena produzione. Una produzione che può facilmente proseguire anche per più di 50 anni, per singolo albero. Ma, in compenso, la qualità dei frutti è particolarmente ricercata", spiega Jonathan. "Sono più umidi e più gustosi. Ma oggi sono comparse nuove varietà americane, come la Chandler. Dopo soli 5 anni, i frutteti producono 6 tonnellate per ettaro, mentre ci vogliono circa 12 anni per ottenere 2,5 tonnellate di Franquette per ettaro. Naturalmente, il gusto è diverso e dopo 25-30 anni, l'albero inizia a produrre meno, rendendo necessario sradicarlo e ripiantarlo".

Contrariamente ad altre colture che soffrono sempre di più per i cambiamenti climatici, i meleti amano il caldo. Pertanto, a condizione che ci sia abbastanza acqua, i frutteti di noci non vengono messi a repentaglio dalle ondate di calore che probabilmente nei prossimi anni diventeranno più frequenti.

Come le misure eco-responsabili messe in atto dalla Perlin Pommes - come il diserbo meccanico al 100%, il vassoio in cartone CSR o la certificazione HEV (ad alto valore ambientale) dei frutteti - anche la cooperativa di noci si sta impegnando in tal senso.

"Siamo fortunati ad avere un frutto naturalmente sostenibile. Il 15% della nostra produzione possiede l'etichetta biologica e la maggior parte della nostra produzione non subisce alcun trattamento. Questo non ci impedisce di spingerci oltre nel nostro approccio eco-responsabile. Sebbene la redditività economica alla fine non corrisponda ai nostri sforzi, lo sviluppo sostenibile è ancora una questione di principio per il nostro team. Per questo motivo, i nostri membri hanno beneficiato dell'etichetta Bee Friendly dal 2017".

"L'etichetta HEV è più difficile da ottenere per la produzione di noci, perché la maggior parte dei produttori pratica l'agricoltura mista. Tuttavia, il 15% dei nostri volumi per il 2020 sarà certificato HEV 3. Entro 3 anni avremo eliminato tutta la plastica dal nostro imballaggio. Inoltre, abbiamo pubblicato di recente una guida alle buone pratiche, in collaborazione con gli apicoltori locali per la conservazione della biodiversità nei frutteti di noci".

Per maggiori informazioni:
Jonathan Rhodes
Perlim Noix
19130 Saint-Aulaire
Phone: +33.555.25.29.62
Mobile: +33 608.28.74.84
jonathan@perlim.com 
www.perlim.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto