Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La Cina entra nel mercato brasiliano delle pere

L'incertezza cresce tra i produttori di pomacee argentini.
Le esportazioni verso il Brasile dalla valle del Rio Negro e da Neuquen non devono solo far fronte alle recenti intercettazioni di carpocapsa alla dogana, ma anche altri due fattori che sono altrettanto o più preoccupanti della lotta contro il lepidottero.

Il primo di questi è la perdita di competitività al tasso di cambio che la frutta argentina sta soffrendo sul mercato brasiliano. I dati ufficiali indicano che il Brasile ha svalutato la sua moneta negli ultimi sei mesi di quasi l'8%. L'inflazione in questo stesso periodo è stata di circa il 2,20%, quindi il miglioramento competitivo della produzione brasiliana nel periodo in analisi si è attestato intorno al 6%.

Per gli imprenditori della valle del Rio Negro è il contrario: con un'inflazione al 25% negli ultimi mesi, la quota si è mossa solo poco più del 3%, generando una significativa perdita di competitività. Questo scenario della valuta si farà sicuramente sentire sul mercato brasiliano nel corso della stagione appena iniziata.

L'altro fattore di preoccupazione è l'ingresso della pera cinese in Brasile a partire da marzo. Il gigante asiatico ha avuto un raccolto record di pere in questa stagione. Secondo i dati forniti dal dipartimento americano dell'agricoltura-Usda, la produzione di quest'anno ha superato i 17 milioni di tonnellate, un volume superiore del 20% rispetto all'anno precedente ed equivalente a quasi 20 raccolti di pere della valle del Rio Negro e Neuquen. Inoltre, la Russia ha chiuso le importazioni e questo complica ulteriormente la situazione per gli esportatori cinesi.

La necessità della Cina di aumentare le sue esportazioni è visibile, e il Brasile è ancora un mercato importante con oltre 100 milioni di potenziali consumatori. Le proiezioni dell'Usda mostrano che la Cina spera di piazzare oltre 500mila tonnellate di pere in tutto il mondo in questa stagione, ovvero circa il 40% in più rispetto alla stagione 2018/19.

Facendo una comparazione, va sottolineato che l'Argentina ha esportato quasi 300mila tonnellate di pere nel corso dell'ultimo anno e un terzo di questo volume è andato al mercato brasiliano. Il Brasile è molto importante per le pere argentine, poiché rappresenta l'80% di tutte le pomacee che il Paese invia a questa destinazione.

Fonte: rionegro.com.ar


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto