Dati Ismea dal 3 al 9 febbraio 2020

Prime partite di fragole del metapontino, mercato stabile per mele e pere

La sesta settimana del 2020 ha segnato l'esordio delle prime partite di fragole provenienti dalle zone precoci del metapontino. Il comparto mele e pere continua a essere caratterizzato da un mercato tendenzialmente stabile sia sotto il profilo degli scambi che delle quotazioni. Poco entusiasmante l'andamento delle contrattazioni per il kiwi il cui collocamento è risultato rallentato sia sui mercati interni che esteri.

Mele da consumo fresco: è stata soprattutto l'attività esportativa a trainare il comparto. In ulteriore incremento, infatti, sono risultati i volumi di merce scambiati sul circuito estero grazie a una domanda che ha continuato a mostrare interesse all'acquisto. Stabile l'andamento del mercato sul fronte interno dove le contrattazioni concluse sono proseguite a ritmi regolari e costanti. Sotto il profilo delle quotazioni, i listini sulle differenti piazze monitorate non hanno mostrato variazioni, fatta eccezione per la Cripps Pink forlivese i cui corsi invece si sono assestati al ribasso.

Pere da consumo fresco: in ulteriore assottigliamento sono risultate le giacenze presenti in magazzino. Le minori disponibilità esitate sui mercati hanno continuato a riscuotere una discreta richiesta soprattutto estera che ne ha permesso una regolare collocazione sulla base di quotazioni sostanzialmente stabili. Oscillazioni di prezzo sono state osservate solamente per l'Abate Fetel di provenienza bolognese (in considerazione di un'offerta ormai esigua) e cuneese (a fronte di un prodotto dal minore profilo qualitativo in termini di calibro). Mentre nel forlivese l'insorgenza dei primi problemi qualitativi, legati alla conservabilità del prodotto ha limitato le vendite, con quotazioni che per Abate e Kaiser hanno evidenziato una flessione.


Clicca qui per un ingrandimento della tabella.

Kiwi: generale tenuta delle quotazioni. Sotto il profilo degli scambi il mercato non è apparso particolarmente entusiasmante. Sul circuito interno a rallentare le vendite i prezzi particolarmente sostenuti, mentre sul fronte estero la costante presenza di merce greca esitata a prezzi concorrenziali, verso la quale ha continuato a orientarsi la domanda. Tale andamento si è ripercosso anche sulle quotazioni risultate in calo per il prodotto forlivese. Di contro, sulla piazza di Verona una minore pressione estera ha permesso alle quotazioni di beneficiare di rialzi.

Fragole: con dieci giorni di anticipo rispetto alla precedente campagna, quale conseguenza di temperature al di sopra della media del periodo, si registra l'esordio sui mercati delle prime quote di fragole di provenienza metapontina. I primi stacchi hanno presentato un profilo qualitativo soddisfacente, sia in termini organolettici che per colorazione ed immessi sul mercato sono stati oggetto di una buona richiesta. I prezzi di esordio si sono attestati su valori inferiori a quelli raggiunti nella precedente campagna quando le basse temperature limitarono la raccolta.

Fonte: ismeamercati.it


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto