Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

In assenza di forniture dalla Cina, aumenta la richiesta di peperoni israeliani dalla Russia

La stagione del peperoncino verde olandese è cominciata questa settimana presso la Gilad Produce. L'azienda ha ricevuto anche il primo lotto di jalapeno Black Bullet. "E' bene che il mercato cominci. I nostri clienti sono pronti a passare alla stagione olandese. Inoltre, ci aspettiamo i primi peperoncini rossi olandesi a partire da metà marzo". A dichiararlo è Frank Mosterd.

Negli ultimi anni, Gilad Produce si è trasformata in un vero e proprio specialista di peperoncini. "Siamo diventati un grande player nei Paesi Bassi in materia di peperoncini freschi. Negli ultimi anni, ci siamo fatti una buona reputazione con il nostro marchio Chilli Festival. Riforniamo un'ampia varietà di clienti, dai grossisti ai supermercati. Tuttavia, continuiamo a essere un'estensione dei grossisti. Non esportiamo in prima persona, ma riforniamo i clienti finali in collaborazione con gli esportatori olandesi".

Intorno alla settimana 12 o 13 ricomincerà anche la stagione del peperone olandese, da Gilad. "Abbiamo circa 23 ettari di peperoncini e peperoni coltivati localmente. In passato ci siamo concentrati sui peperoni verdi. Tuttavia, quest'anno abbiamo ampliato di 9 ettari con la varietà rossa, perché negli ultimi anni il mercato per questo colore è stato migliore rispetto a quello del peperone verde".

"La forza di Giled sta nel fatto che facciamo tutto insieme ai nostri produttori e per loro. Riteniamo che questo sia il modo più indicato per ottenere i profitti migliori per tutti. Negli ultimi anni siamo riusciti anche a conservare un forte gruppo di agricoltori e riteniamo che ci sia sicuramente spazio di crescita per questo gruppo".

La società sta sperimentando anche una tendenza crescente nella fornitura biologica. "La fornitura di peperoni biologici da Israele, al momento, è in pieno corso. A dicembre e gennaio la domanda era ancora moderata. Tuttavia, c'è stata una ripresa nelle ultime due settimane. Anche i prezzi sono buoni, al momento. Riceviamo altri peperoni, cetrioli e peperoni Ramiro biologici anche dalla Spagna - continua Frank - In questo modo, ogni anno ci affermiamo sempre di più nel settore bio. Ci stiamo orientando sull'espansione della nostra fornitura biologica anche per la stagione estiva".


Jimmy van de Wijgert, responsabile della divisione biologica di Gilad Produce. Inoltre, Jimmy si occupa in parte anche della gestione della qualità dell'azienda.

Il mercato dei peperoni convenzionali israeliani è stato piuttosto stagnante, questo inverno. I prezzi erano relativamente bassi, con poche fluttuazioni. "Infatti, sono molto pochi i peperoni israeliani che sono stati inviati nei Paesi Bassi. Negli ultimi anni, l'export di questo prodotto è stato diretto principalmente in Russia e Nord America".

La domanda russa di peperoni israeliani è aumentata nelle ultime settimane. Ciò è dovuto al Coronavirus. "Solitamente, la Russia acquista molti peperoni dalla Cina, ma gli ordinativi di peperoni cinesi sono diminuiti. Ciò potrebbe significare una stagione buona per Israele. Dopotutto - conclude Frank - a Israele il 40% circa del prodotto deve ancora essere raccolto".

Per maggiori informazioni:
Frank Mosterd
Gilad Produce
9c Poortcamp
2678 PT De Lier, NL
Tel: +31 (0) 174 528 067
Email: mosterd@giladproduce.nl   
Web: www.giladproduce.nl


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto