Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Una produzione biologica olandese per fornire direttamente i clienti, per tutto l'anno

La Bio World, costola bio del gruppo Best Fresh, ha raggiunto l’obiettivo di avere coltivazioni biologiche proprie, direttamente su suolo olandese. Dalla prossima stagione, le verdure bio in serra saranno coltivate a IJsselmuiden e Sexbierum, nei Paesi Bassi.

"Il cliente può ora scegliere di acquistare direttamente dalla fonte", afferma Job van den Berg, direttore della divisione bio della Best Fresh Group, che coltiva da tre anni i propri raccolti, su suolo spagnolo, con il nome Quality Life Produce (QLP).

IJsselmuiden
A novembre, l’attenzione si è focalizzata sul ripristino di un grande vivaio della Frisia, l'A.C. Hartman, che rappresentava circa un quarto della produzione totale di ortaggi bio coltivati in serre olandesi.

Il primo passo verso la produzione su suolo olandese è stato fatto a IJsselmuiden. Dall'inizio di ottobre, quando QLP Nederland ha visto la luce, sono stati avviati i lavori per la conversione di 3,3 ettari di serre.

La coltivazione di sementi bio lascia il posto quest'anno alla coltivazione di 2 ettari di peperoni quadrati e 1,3 ettari di pomodori. La coltivazione è iniziata a gennaio e la produzione inizierà nella 18ma settimana del 2020.

Nelle ultime due settimane, la serra del coltivatore della QLP, Jannick Brink, è stata riempita con piante di pomodoro e peperoni, mostrato su LinkedIn.

Crescita controllata delle colture biologiche
A Sexbierum, la produzione è come sempre già iniziata. I primi cetrioli sono stati raccolti il 17 gennaio. L'area, per un totale di 38 ettari, è divisa a metà tra coltivazione biologica e coltivazione convenzionale. "Con la QLP ci concentriamo sulla produzione annuale di ortaggi in serra. Coltiviamo anche prodotti convenzionali, proprio come faceva la Hartman prima. Il nostro obiettivo non è quello di crescere molto velocemente nella coltivazione convenzionale, ma quello di una crescita controllata delle colture bio".

Ma per farlo, è necessaria una superficie di coltivazione convenzionale. "Il passaggio a un prodotto biologico certificato Skal richiede due anni, e devi affrontare una fase di transizione", Job lo sa bene. "Durante questa fase, vendi normalmente fino a quando non hai raggiunto la certificazione Skal. Ma, per il momento, lasceremo la situazione a Sexbierum così com'era. Inoltre, devi essere in grado di compensare l’area che vai a perdere nel cambio, altrimenti non puoi continuare a coltivare, perché sei in una fase di transizione".

Serre a Sexbierum. L'area di 38 ettari è divisa in un 35% di cetrioli, un 60% di peperoni e 5% di peperoni. Nel biologico, un 50% è costituito da pomodori ciliegino, snack e a grappolo e un 50% di cetrioli / peperoni quadrati, questi ultimi gialli, rossi e verdi.

Le filiali della QLP si completano a vicenda
Comunque è stato fatto un grande cambiamento. "Quello a cui puntiamo è un assortimento biologico completo, per tutto l'anno", afferma Job. "Bio World è e rimane una società di importazione ed esportazione, ma QLP è nata per avere la sua produzione, coltivata in loco. La QLP Netherlands, suddivisa in QLP IJsselmuiden e QLP Friesland, e con l'estensione di QLP Spagna, da tre anni ha una propria coltivazione e un proprio impianto di confezionamento".

Entrambe le filiali lavoreranno a stretto contatto, proprio come QLP farà con altri coltivatori. "Se hai la tua coltivazione tutto l'anno, devi lavorare bene insieme", afferma Job. “Se vediamo che c'è un calo nei Paesi Bassi durante la fase di transizione di luglio, allora ci assicureremo che ci sia una maggiore produzione in Spagna, e viceversa. Devi anticipare il picco produttivo nei Paesi Bassi, ad esempio, raccogliendo i prodotti migliori delle coltivazioni precoci di pomodori in Spagna, e raccogliendo più rapidamente".

Le serre spagnole

Coltivazione in campo aperto per un assortimento di verdure più completo.
In Spagna, attualmente vengono coltivati 110 ettari, di cui 40 in serra, 30 ettari sono comuni, 25 ettari coltivati in pieno campo, e 15 ettari biologici. A lungo termine, la coltivazione in pieno campo sarà possibile anche per la QLP Nederland, prevede Job.

"Intorno a Sexbierum si coltivano anche eccellenti ortaggi in pieno campo, una situazione che stiamo considerando per poter offrire in futuro un assortimento di ortaggi bio ancora più completo ed esauriente".

Per maggiori informazioni

Quality Life Produce
Job van den Berg 
j.vandenBerg@biomontana.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto