Quale posizione per le mele polacche sul mercato indiano?

Secondo un esportatore polacco di mele impegnato sul mercato indiano, sono in arrivo tempi migliori per i commercianti di questa referenza frutticola. Chiunque si sia adattato a una specifica finestra commerciale in Kashmir, quando la tensione politica era alta, ne è uscito vincitore. L’esportatore non condivide la preoccupazione - espressa da altri operatori - che subentri l'Ucraina sul mercato, perché la strada è ancora molto lunga per i commercianti ucraini.

Le preoccupazioni per la stagione polacca delle mele sono terminate, secondo Pawel Sokolowski, direttore della Poland-Fruit. Secondo lui, una volta eliminate le mele che sono state pesantemente colpite dalle condizioni meteo di inizio primavera, la stagione risulterà buona.

"La campagna va ormai verso uno sviluppo positivo. Come avevamo già anticipato, la domanda supera l'offerta, e ciò è dovuto alla scarsa produzione del 2019 e alla mancanza di quantità sufficienti di mele d’esportazione sul mercato polacco".

Inoltre, le scorte nei magazzini refrigerati devono essere accuratamente selezionate, durante il processo di confezionamento, per eliminare le mele danneggiate a causa dalle avverse condizioni meteo dell'inizio della scorsa primavera.

Pawel: "Questo riduce ulteriormente le scorte disponibili e comporterà un aumento dei prezzi. Come azienda, abbiamo ricevuto molte richieste, principalmente da Medio Oriente, Sud-est asiatico e Africa. Non riusciamo ad accogliere tutti questi ordinativi per la carenza di prodotto e perché la maggior parte delle nostre scorte è destinata al nostro mercato di riferimento, che è l’India. Infatti, un paio dei nostri container sono appena arrivati a Mumbai e hanno già raggiunto i magazzini refrigerati".

La Poland-Fruit è focalizzata sul mercato indiano, dove ha stretto collaborazioni con delle aziende locali. "La nostra collaborazione con le aziende indiane si è sviluppata molto bene. Il nostro partner strategico, Sheemit Agro Fresh, fa un ottimo lavoro, introducendo le mele polacche sul mercato locale indiano. Negli ultimi mesi, siamo stati in grado di stabilire nuovi e promettenti contatti. In effetti, abbiamo ricevuto ordini per lotti di prova di mele Red Delicious da nuovi partner ad Ahmedabad, Mumbai e Nuova Delhi. Queste città sono tra quelle che visiteremo durante il nostro viaggio d'affari in India, dal 7 al 14 gennaio 2020. Nel complesso, la situazione è dinamica e piena di nuove opportunità. Chiaramente c'è ancora molto spazio per ampliare e migliorare la cooperazione polacco-indiana, per quanto riguarda il commercio delle mele".

Gli ultimi mesi sono stati turbolenti per la regione indiana del Kashmir, a causa delle tensioni politiche. Secondo Sokolowski, questa si è rivelata un’occasione per esportare in altre regioni. "La situazione in Kashmir è stata molto tesa, lo scorso autunno. Le ‘importazioni’ dal Kashmir in altre regioni indiane sono state completamente bloccate. Ciò ha creato una finestra commerciale per i prodotti stranieri. Questa finestra si è chiusa all'inizio di dicembre, quando i prezzi si sono stabilizzati. Chiunque si sia adattato a questa specifica finestra temporale, ne è uscito vincitore".

"Attualmente, la tensione politica è cessata e i volumi di mele indiane domestiche stanno raggiungendo il mercato, facendo scendere i prezzi", ha affermato Sokolowski, che si dice comunque ottimista sul futuro: "Dal punto di vista dell'esportatore, i prezzi per ora sono tutt'altro che buoni. Tuttavia, abbiamo assistito a una situazione simile nel gennaio del 2019, seguita poi da un'accelerazione dinamica dalla metà dello stesso mese. Vale anche la pena ricordare che, nonostante una stagione eccezionale per la mela indiana e la successiva stagnazione dei prezzi, i prodotti europei e americani sono considerati di livello premium, mantenendo una propria tariffazione e non seguendo necessariamente la tendenza generale. In ogni caso, l'alta stagione dovrebbe decollare molto presto e, da quel momento in poi, dovrebbe aprirsi la seconda finestra commerciale per il prodotto europeo".

Di recente, un commerciante indiano ha affermato che le mele polacche potrebbero presto passare di moda, sostituite da quelle ucraine. Sokolowski non condivide questa previsione e non sembra esserne preoccupato. "La situazione potrebbe essere più complicata di quanto possa sembrare a prima vista. Prima di tutto, i prodotti ucraini devono farsi strada, proprio come in passato, in tutti gli altri Paesi produttori. Questo processo richiede tempo, impegno e almeno un paio d'anni di consegne, contraddistinte da una qualità costante, per stabilire un marchio nazionale. I partner devono conoscersi e stabilire un rapporto di fiducia. In secondo luogo, per motivi politici e successive migrazioni, l'Ucraina soffre della mancanza di manodopera, il che può far aumentare significativamente i loro costi, rendendo minima la differenza di prezzo finale. Inoltre, la mela ucraina non è presente sul mercato indiano, per ragioni normative. Con il tempo si vedranno gli eventuali sviluppi".

Il fatto che Sokolowski non sia preoccupato, non significa però che non si stia attivando, cercando di assicurarsi che la mela polacca conservi una posizione vantaggiosa. "Essere attivi nella promozione delle mele polacche e nel prendersi cura della qualità, è fondamentale per conservare la clientela. Organizziamo incontri bilaterali, invitiamo i nostri partner indiani in Polonia e visitiamo noi stessi l'India. Ci concentriamo anche sulla fornitura di prodotti di alta qualità, perché, alla fine, è questo quello che conta. Riteniamo che se continueremo a farlo, i nostri partner saranno meno incentivati a cercare fornitori alternativi. Inoltre, facciamo affidamento sul nostro governo che è consapevole dell'importanza delle mele come uno dei nostri principali prodotti d’esportazione".

La Polonia-Fruit prevede di continuare a crescere nel 2020. Nonostante la scarsa produzione del 2019, le sue prospettive sono ancora abbastanza ottimistiche. "Abbiamo ricevuto molte richieste e nelle celle refrigerate c’è una discreta quantità di mele. Il nostro obiettivo è esportare almeno il 50-70% in più, rispetto alla stagione precedente. Inoltre, stiamo espandendo le nostre esportazioni in India con succhi NFC, uno dei principali obiettivi della nostra prossima visita in India. Le prossime settimane saranno importanti per capire come sta andando il mercato indiano".

Per maggiori informazioni:
Pawel Sokolowski
Poland-Fruit
Tel: +48 693 933 325
Email: pawel.sokolowski@poland-fruit.com 
www.poland-fruit.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto