Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'esperienza di John Rombouts (Joined Resources)

Ancora enormi possibilita' nel settore al dettaglio russo

Il mercato russo può anche essere chiuso ai prodotti ortofrutticoli europei, ma ci sono ancora ampie opportunità per il commercio di frutta e verdura non europea. C'è un'enorme richiesta, per esempio, di drupacee, piccoli frutti e frutta esotica, secondo quanto riferito da John Rombouts di Joined Resources. John sa, per esperienza personale, che è un'enorme sfida creare un reparto ortofrutticolo attraente con una gamma di prodotti diversificata.

"Quindici anni fa, ho partecipato alla creazione di una catena di nuovi supermercati russi. L'imprenditore russo dietro questa formula voleva professionalizzare il segmento al dettaglio secondo gli standard olandesi", dice John che ha contribuito alla creazione di queste catene di negozi e ha lavorato come direttore generale presso le catene di supermercati 'Lenta' e 'Oivier' per più di 12 anni.

Queste formule si concentrano principalmente sul segmento alimentare di fascia alta. Oggi John fa il pendolare tra la Russia e i Paesi Bassi. Tra le altre cose, guida le aziende internazionali (ortofrutticole) che vogliono portare la loro merce sugli scaffali dei negozi russi.

Il mercato al dettaglio in quel paese ha subito una significativa trasformazione. Durante l'era sovietica, la gente era abituata a svuotare gli scaffali e a fare lunghe code. A quel tempo, il mercato era estremamente frammentato, con pochissime catene di negozi professionali. Mentre 15 anni fa il 60-80% della merce veniva venduta sul mercato libero, attualmente il 60% dei consumatori fa acquisti nelle numerose catene di negozi professionali (certamente durante i lunghi inverni russi).

"In estate, i mercati all'aperto rimangono importanti punti di scambio per i prodotti ortofrutticoli. Essi offrono principalmente prodotti locali. In inverno, la gente va nei negozi al dettaglio, a causa delle temperature gelide. In Russia c'è un enorme potenziale di successo nel settore del commercio al dettaglio, poiché si registra una domanda massiccia, soprattutto tra i russi più ricchi. Questo mercato è ben lungi dall'essere saturo come il resto d'Europa".

La frutta e la verdura non europea, come drupacee, avocado, mirtilli e tutti i tipi di esotici, sono estremamente popolari tra i rivenditori russi. La catena di approvvigionamento per questo tipo di prodotti è già una grande sfida per il mercato europeo; i requisiti dei prodotti russi la rendono molto più complicata. Rombouts afferma: "Ci sono certamente delle possibilità per le aziende olandesi che combinano importazione, commercio e logistica".

"I rivenditori russi daranno anche preferenza ad aziende che hanno un ampio assortimento di frutta e verdura. Per loro è più conveniente ottenere da 20 a 30 prodotti attraverso un unico contatto piuttosto che lavorare con diversi fornitori in più sedi". A causa dell'embargo, il Paese di origine dei prodotti è molto importante e questo richiede la conoscenza del processo di certificazione. "E' necessario indicare la provenienza di un prodotto, in modo che le autorità russe possano essere sicure che non si tratti di una consegna europea che è stata camuffata", continua John.

Prima del boicottaggio europeo, molti prodotti come pomodori, cetrioli, mele e pere venivano importati da quella parte del mondo. "Con l'apertura sempre più ampia delle frontiere dopo la fine dell'era sovietica, sono iniziate le importazioni di frutta e verdura. I prodotti d'oltremare erano di migliore qualità e meno costosi dei loro omologhi russi. Di conseguenza, la produzione russa è diminuita dell'80%".

"Ma, a causa dell'embargo sulle importazioni, la Russia sta ancora una volta cercando disperatamente di rimettere in carreggiata la propria produzione. Negli ultimi cinque anni, quindi, sono stati fatti massicci investimenti in coltivazione in serra e infrastrutture. Ciononostante, il clima russo garantisce che il Paese continui a dipendere dalle importazioni. L'estate russa è relativamente breve e calda, con punte medie comprese tra 25 e 30 °C. Non c'è praticamente alcuna primavera o autunno in Russia. L'inverno inizia spesso già a settembre con temperature fino a -25 °C. I russi si liberano della neve solo in aprile o maggio", spiega Rombouts.

"Le nazioni limitrofe, come l'Uzbekistan e il Kazakistan, sono diventati quindi importanti fornitori. La situazione politica volatile rende le aziende internazionali riluttanti a fare affari con la Russia. E anche le barriere linguistiche e culturali rendono difficile il commercio con la Federazione".

John ribadisce che, nonostante questi ostacoli, è ancora interessante fare affari con la Russia. "E' un Paese enorme. Ci vogliono 11 ore per volare da ovest a est della nazione. Tuttavia, è facile raggiungere la maggior parte dei consumatori russi. Ci sono cinque regioni in cui vive il 60-70% della popolazione. Per esempio, più di 30 milioni di persone vivono nell'area di Mosca, una zona che è più piccola dei Paesi Bassi".

"La Russia è un Paese fantastico in cui lavorare. Il contatto sociale è, tuttavia, una sfida. Oltre alla barriera linguistica, la cultura russa è molto chiusa. La gente si isola; lo si vede per strada. Ci sono, per esempio, molti cancelli e recinti".

Con la sua conoscenza del mercato russo (al dettaglio) e dei consumatori, John - dalla sua azienda russa, Joined Resources Russia - aiuta le aziende e i produttori che vogliono fare affari in o con la Russia. "Rimane un mercato gigantesco dove, rispetto all'Europa, è molto più facile attirare l'attenzione della gente".

"Il tempo della babushka - la matriarca, che domina la casa - sta rapidamente svanendo. Questa nonna era solita decidere quali prodotti sarebbero stati acquistati ed era orgogliosa che le sue dita fossero sporche dopo aver comprato frutta e verdura, in quanto altrimenti questi prodotti non erano di buona qualità. Le nuove generazioni sono state cresciute avendo più scelta. C'è stato un enorme cambiamento nel comportamento dei consumatori e il convenience è diventato sempre più importante", conclude John.

Per maggiori informazioni:
John Rombouts
Joined Resources
Email: jwgrombouts@hotmail.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto