Avvisi

La clessidra





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Situazione drammatica per produttori e commercianti di kaki spagnoli

Molti kaki sono stati lasciati sugli alberi, in Spagna, perché al momento non è redditizio raccoglierli; nessuno sembra interessato ad acquistarli. La situazione per i produttori spagnoli e le società commerciali che lavorano con questo prodotto, pertanto, è drammatica.

"A differenza della campagna 2018/19, quando le gelate e la grandine provocarono la perdita di oltre la metà della produzione, la campagna attuale registra un pieno raccolto. Vale la pena notare che gli alberi piantati 4 o 5 anni fa, ora stanno dando frutti e le loro rese aumenteranno in futuro", afferma Eduardo Cifre, fondatore di OKA Fruits e Ribercaqui. "Le piogge torrenziali nella settimana 49, hanno messo a dura prova quelle piantagioni che non sono state adeguatamente trattate, ma ciò non avrà un grande impatto sui volumi disponibili".

Sapendo che ci sono più frutti disponibili rispetto allo scorso anno, i grandi distributori hanno iniziato ad abbassare i prezzi. "Molti coltivatori si sono fatti prendere dal panico e hanno iniziato a produrre e vendere a basso costo. Alla fine, questo ha portato a un crollo delle quotazioni, dopo poche settimane dall'inizio della campagna. Nei campi c'è molta frutta che rimane invenduta e per la quale vengono pagati solo dai 5 ai 7 centesimi al chilo, quando i costi di produzione ammontano a circa 25 centesimi al chilo".

Secondo Eduardo, le società commerciali vendono kaki di prima categoria a prezzi di magazzino, a circa 0,60-0,62 euro al chilo, senza contare i costi di trasporto, e i frutti di seconda classe per circa 0,35 euro al chilo. "Gli esperti hanno margini ristrettissimi, compresi tra 1 e 2 centesimi; quindi anche un solo problema può mettere a repentaglio una fase importante della campagna. La situazione tra produttori e società commerciali è molto tesa, proprio come quella tra queste ultime e i grandi distributori. Nel frattempo, la maggior parte delle catene di supermercati ha mantenuto i prezzi del kaki a livelli simili a quelli dell'anno scorso, ottenendo così margini ancora più alti (visti i prezzi di acquisto alla produzione)".

La Spagna è leader nella produzione ed esportazione dei kaki, una coltura che vede interessata principalmente la provincia di Valencia. Questa concentrazione dell'offerta dovrebbe spingere i produttori a unire le forze a fare fronte comune per fissare dei prezzi minimi. "Se non collaboriamo e non cambiamo mentalità, presto non ci sarà futuro per questo prodotto. Il fatto è che, a meno che le condizioni meteo non lo impediscano, la situazione del prossimo anno dovrebbe essere la stessa di quest’anno. In Francia sono riusciti a proteggere i loro produttori da situazioni simili, fissando prezzi minimi per garantire la redditività della produzione, quindi perché questo non si può fare anche qui da noi?"

"Ci sono coltivatori che stanno già estirpando i loro alberi perché hanno perso troppi soldi, e alcune società commerciali sono ad alto rischio di fallimento. La prospettiva è che, alla fine della campagna, ci saranno molti mancati pagamenti per i produttori", dice Eduardo Cifre. "C'è sconforto e tensione nel settore, al punto che alcuni hanno persino desiderato l'arrivo di altre gelate e grandinate", aggiunge amaramente Eduardo Cifre.

Per maggiori informazioni:
Eduardo Cifre
OKA FRUITS
+34 639 628 670 
contact@okafruits.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto