Dati Ismea dal 25 novembre al 1 dicembre 2019

Aumentano le disponibilita' di agrumi: listini in calo

Nella 48ma settimana del 2019, i listini per l'intero comparto agrumario hanno evidenziato una generale flessione, da ritenersi del tutto fisiologica per le aumentate disponibilità. Sotto il profilo degli scambi, le contrattazioni concluse sono avvenute in un clima di discreto interesse, cui ha contribuito una domanda nel complesso sufficientemente interessata.

Arance: in progressivo incremento le disponibilità di prodotto sui mercati, per l'intensificarsi delle operazioni di raccolta nelle principali aree di produzione. In un clima di discreto interesse si sono svolti gli scambi per la Navel siciliana, i cui quantitativi a fronte di un soddisfacente profilo qualitativo, sia in termini di calibro che di colorazione, immessi sul mercato hanno trovato regolare collocamento sulla base di quotazioni stabili. Solo sulla piazza di Catania il listino ha mostrato una flessione, da ritenersi del tutto fisiologica per le aumentate disponibilità. Più pacate le contrattazioni in campagna per le varietà pigmentate di provenienza siracusana, a fronte di una domanda cauta negli acquisti, in attesa di verificare le effettive potenzialità del mercato.

Diversa la situazione negli areali metapontini, dove la merce al momento, a causa delle temperature miti non ha ancora raggiunto una omogenea colorazione. I limitati quantitativi pronti per la raccolta, immessi sul mercato, sono stati rapidamente ceduti sulla base di quotazioni in incremento. Di contro, listini in flessione nel tarantino, del tutto fisiologica per le aumentate disponibilità sul mercato.

Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine.

Clementine: con l'intensificarsi delle operazioni di raccolta le disponibilità sui mercati sono risultate in progressivo incremento e le quotazioni in fisiologica flessione. Negli areali tarantini le escursioni termiche registrate durante la settimana hanno migliorato l'aspetto qualitativo del prodotto soprattutto in termini di colorazione. Le disponibilità affluite sui mercati sono state oggetto di una costante attività della domanda che ha permesso il regolare svolgimento delle vendite sulla base di quotazioni in fisiologica flessione.

Diversa la situazione nelle aree produttive calabresi, dove la merce nel complesso, sebbene presenti un soddisfacente grado zuccherino, risulta ancora carente in termini di colorazione non ancora omogenea. La raccolta ha pertanto interessato quelle partite di prodotto dal migliore profilo qualitativo e, immesse sul mercato, sono state scambiate sulla base di quotazioni stabili. Non si registrano particolari variazioni per le produzioni siciliane per le quali un generale equilibrio tra domanda e offerta ha permesso ai listini di attestarsi sugli stessi livelli precedentemente acquisiti. 

Limoni: il mercato per il limone Primofiore non ha mostrato particolari variazioni. Sostanzialmente stabile l'andamento degli scambi negli areali produttivi palermitani e siracusani, dove un generale equilibrio tra domanda e offerta ha permesso alle quotazioni di attestarsi sugli stessi livelli precedentemente acquisiti. Solo nel catanese l'immissione sul mercato di maggiori quantitativi di prodotto, unitamente a una costante richiesta, ha depresso il listino. Si evidenzia tuttavia che su base annua, nel complesso i prezzi hanno continuato a posizionarsi su valori nettamente superiori in considerazione di una produzione in calo rispetto alle attese.

Fonte: ismeamercati.it


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto