Avvisi

La clessidra





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Viva Agriculture, nuove tendenze e nuovi mercati

Amos Betzer vanta una conoscenza approfondita nel settore delle esportazioni dei prodotti agricoli israeliani. Nel 1999, si unì a uno dei primi esportatori privati israeliani di fiori recisi e piante ornamentali, creando una divisione frutta e verdura presso quell'azienda. Dieci anni dopo, l'ha lasciata per dare vita a una sua attività in proprio.


Yair Ohana, responsabile vendite e Amos Betzer, proprietario di Viva Agricultura.

"Ora produciamo soprattutto erbe aromatiche fresche", afferma Amos. Yair Ohana si è unito ad Amos 13 anni fa. Attualmente si occupa delle vendite della Viva, e dice che si stanno concentrando molto sui mini ortaggi. "Arrivano dal Sudafrica. Noi pensiamo ci sia un enorme mercato per questi prodotti. La maggior parte dei nostri clienti che commerciano erbe aromatiche fresche, vendono anche questo prodotto speciale. Quindi, le mini verdure si integrano perfettamente alla nostra gamma".

Maggiore produzione proveniente dall'Africa orientale
"Quindici anni fa, abbiamo iniziato a coltivare in Kenya le erbe aromatiche". Yair spiega che tale produzione si è lentamente spostata da Israele all'Africa. "Oggi circa il 70% della nostra attività nel settore delle erbe aromatiche fresche proviene da Kenya, Etiopia, Uganda e Tanzania. I nostri prodotti principali rimangono le erbe aromatiche, ma abbiamo cominciato anche con fagioli e piselli provenienti dal Kenya".

Questi includono varietà come taccole, piselli mangiatutto, broccolini e fagiolini. "Per il momento, sono destinati soprattutto al mercato europeo e si stanno sviluppando molto bene", afferma Yair.

Entrare nei mercati nordamericani
L'obiettivo è sviluppare i mercati degli Stati Uniti e del Canada. "Penso che Israele abbia trascurato questi mercati, perché risultava più semplice lavorare con quelli europei", afferma Yair. "Mi sto concentrando sul nostro prodotto principale: le erbe aromatiche fresche. Credo che quelli statunitensi e canadesi rappresentino dei mercati enormi. Attualmente, è questo il mio obiettivo prioritario".

Yair afferma che anche Viva Agriculture sta iniziando a produrre peperoni per il mercato statunitense. "Vendiamo anche peperoni quadrati biologici israeliani e peperoncino della varietà Habanero. Sono prodotti eccellenti".

Importare mirtilli
"Dal momento che la moneta israeliana (lo shekel) è molto forte, abbiamo deciso di iniziare a importare in Israele stesso", aggiunge Amos. “Negli ultimi sette anni abbiamo importato mirtilli dall'Argentina e dal Cile. Stiamo sviluppando il mercato dei mirtilli qui da noi. Questa stagione va dai primi di settembre ad aprile, ma è possibile sviluppare ulteriormente questo prodotto".

Amos vuole far conoscere agli israeliani i vari tipi di piccoli frutti. "Tutti conoscono le fragole, ma il mercato delle altre varietà di bacche, come lamponi e mirtilli, è ancora molto limitato". Amos dice che tutto sta procedendo bene.

Il cambiamento climatico è reale
Yair afferma che il cambiamento del clima è determinante, nella loro attività. "Tutti parlano di cambiamenti climatici. La nostra stagione principale era l'inverno, ma negli ultimi anni la situazione è cambiata. Ci rendiamo conto che la stagione europea di crescita delle erbe aromatiche dura sempre più a lungo. Quando, 13 anni fa, iniziai a vendere aromatiche fresche, l'inverno cominciava all'inizio di settembre e durava fino alla fine di maggio".

"Attualmente, l'inverno inizia a novembre e termina alla fine di marzo / inizio aprile, quando si inizia già a vedere la produzione europea locale. Ho pensato che l'inverno si stesse spostando in un altro momento dell'anno. In realtà è diventato semplicemente più corto. Di contro, ora siamo più impegnati d'estate". Questo incremento della loro attività ha a che fare con il lavoro che svolgono in Kenya.

Amos dice che, sebbene i metodi di produzione stiano cambiando, i consumi sono in aumento. "La cucina moderna utilizza sempre più erbe aromatiche, anche nei nuovi Paesi ".

L'alto tasso di cambio un grande problema
Le erbe aromatiche israeliane sono ancora molto importanti per l'azienda. "Rappresentano circa il 30% del nostro fatturato. Una volta era il 100%. Purtroppo, tale percentuale è in calo. Il problema principale per i coltivatori israeliani è l'elevato tasso di cambio della valuta", afferma Amos.

"In Kenya, certamente, la manodopera è molto più economica, ma c’è un problema di logistica. Quella israeliana è migliore e più semplice, e relativamente molto meno costosa rispetto a quella africana. Ad esempio, in Etiopia la società deve prenotare lo spazio aereo con diversi giorni d’anticipo. Qui in Israele, possiamo spedire i prodotti lo stesso giorno. Una buona logistica è fondamentale per le erbe aromatiche".

Secondo Amos Betzer, il governo israeliano deve rendersi conto che l'attuale alto tasso di cambio della valuta sta influenzando negativamente le esportazioni da Israele, e non solo nel settore agricolo. "Qual è il Paese che vogliamo?", Amos si chiede. “Vogliamo continuare a produrre in Israele? L'obiettivo è sempre stato questo".

Per maggiori informazioni: 
Yair Ohana
Viva Agricultura
Tel: +972-3-6863908
Email: ohana@vivafarmers.com
www.vivafarmers.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto