Avvisi

La clessidra





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il settore frutticolo altoatesino e' ottimista sulla nuova stagione di commercializzazione

Il barometro economico dell'istituto altoatesino di ricerca economica WIFO mostra che, al momento, è presente un clima commerciale molto variegato tra i diversi settori agricoli locali. Anche se i prezzi corrisposti per i prodotti caseari e vinicoli alpini sono stati positivi, le cooperative frutticole hanno registrato un'annata negativa nel 2019.

Previsto un miglioramento nella competizione
La situazione nel settore frutticolo è piuttosto complessa. L'ultima stagione di commercializzazione è stata difficile, a causa di una fornitura eccessiva e di prezzi bassi. Nella maggior parte dei casi, i prezzi al produttore non sono stati soddisfacenti.

Tuttavia, le condizioni di mercato dovrebbero migliorare nei prossimi mesi, dal momento che in Europa il raccolto del 2019 è stato del 20% più basso rispetto al livello dell'anno precedente. Il gelo primaverile ha avuto un grave impatto sul raccolto nei paesi dell'Europa dell'Est. La Polonia, il principale produttore di mele in Europa, ha registrato un declino addirittura del 44%.

I volumi di raccolto in Alto Adige sono stati leggermente al di sotto del livello dell'anno scorso. Per il 2020 le cooperative frutticole si aspettano un aumento delle vendite e un miglioramento della competitività, anche se le dinamiche di prezzo al momento sono deboli. Le liquidazioni ai frutticoltori dovrebbero essere soddisfacenti.

Crisi di sovrapproduzione strutturale
I
l presidente della Camera di Commercio di Bolzano, Michl Ebner, è ottimista sulla nuova stagione di commercializzazione. "Dopo un 2019 difficile, è rassicurante che le cooperative frutticole si aspettino un miglioramento per l'anno prossimo. Le cooperative giocano un ruolo fondamentale nell'agricoltura dell'Alto Adige e offrono anche opportunità di impiego interessanti per professionisti altamente qualificati, per esempio nella logistica, nel controllo della qualità e nel marketing".

Georg Kössler, presidente del Consorzio altoatesino delle mele: "Il mercato melicolo europeo sta sperimentando una crisi di sovrapproduzione strutturale dovuta a enormi investimenti nelle zone di coltivazione in Europa dell'Est. Nei prossimi decenni, ciò porterà a un'accesa competizione tra le varietà standard. I nuovi segmenti premium e pertanto le nicchie di mercato devono essere arricchiti con una solida innovazione varietale".

Fonte: Südtiroler Bauernbund


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto