Analisi dettagliata sull'andamento di mercato in tre province

Poche luci e tante ombre sull'ortofrutta romagnola 2019

Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini: tre province con alto valore ortofrutticolo ma che nel 2019 hanno passato un'annata con più ombre che luci. Lo ha evidenziato l'annuale rapporto CIA Romagna durante un convegno della scorsa settimana. Ma con un problema in più rispetto ad altri anni: la difficoltà di reperire manodopera, anche straniera. Infatti i flussi sono stati rallentati e le autorizzazione per il lavoro rilasciate con il contagocce. Il risultato? Le aziende ortofrutticole hanno faticato non poco a trovare manodopera, oppure non l'hanno proprio trovata, con penalizzazione così per l'intero settore, l'economia e anche le entrate statali. Un boomerang non da poco, la cui responsabilità è di tipo politico.

Esaminando i comparti, spiccano le conseguenze del meteo di quest'anno, con maggio freddo e piovoso, dopo un periodo precedente caldo ed uno successivo con anche tre ondate di calore e maltempo. Ripercussioni su tutte le colture frutticole e sulle varietà estive, in particolare su quelle precoci. La produzione di mele in Romagna è prevista in linea con la media degli altri anni, con buone attese per qualità e prezzi, al netto del maltempo e dell'effetto cimice asiatica. Speranze risposte anche nell'actinidia, pur se il 2019 rappresenta il terzo anno consecutivo di produzione inferiore al potenziale, con una flessione delle superfici coltivate.

Solo l'albicocco complessivamente ha realizzato una produzione abbondante con rese medie superiori del doppio rispetto a quelle del 2018 e prosegue nell'aumento di superficie, in particolare nel ravennate e nel forlivese-cesenate. Le tardive hanno risollevato in parte l'annata per quantità e buona qualità. Prezzi all'origine migliori, anche se comunque bassi: in media intorno a 0,49 euro/kg, 39% in meno circa rispetto al 2018.

Anche il ciliegio ha vissuto due fasi: una prima disastrosa per le precoci e poi per le tardive una seconda migliore, ma la produzione, pur superiore al 2018, è inferiore al potenziale. Prezzi non idonei a compensare la mancanza di prodotto. 

Per la fragola è stata un'annata difficile anche in serra, ma la fragola cesenate ha retto abbastanza bene. Le produzioni sono state in calo del 10-15% anche a causa della monilia generata da bagnature e alta umidità. Quotazioni in generale inferiori al 2018.

Per pesche e nettarine è stata una pessima annata: continua il calo di superficie, la produzione cala, pezzatura ridotta, qualità a volte compromessa da batteriosi o da cimice (in particolare pesca bianca nel riminese). Anche dove si sono registrati raccolti superiori di circa il 10% sul 2018 (forlivese-cesenate), in fase di selezione si sono verificati scarti con mancanza di prodotto per il mercato del fresco.

Il 2019 mette al tappeto le pere, deludenti per il crollo di produzione dovuto alla cascola, alternaria e cimice asiatica. Per la Romagna, che riscontra effetti meno pesanti rispetto ad altre zone, si prevede una perdita generale media di circa il 40% (70% a livello nazionale). La superficie è stabile, mentre a livello nazionale è in calo. I prezzi per l'alta qualità appaiono brillanti, ma manca molto prodotto.

Il susino sembra detenere per il 2019 il peggior andamento in assoluto nel frutticolo romagnolo. Nemmeno Angeleno, a differenza degli anni precedenti, riesce a risollevare le sorti di questa coltura. Mediamente la produzione è stata superiore rispetto al 2018 di circa il 30%, con una qualità visiva buona ma qualità organolettica non sufficiente per i gusti del consumatore: si è registrato un sensibile calo dei consumi che ha portato i prezzi all'origine al di sotto dei costi di produzione (0,35 euro/kg).

Castagno, melograno, noce, nocciolo, kaki registrano un calo produttivo con una qualità dei raccolti buona. Prezzi all'origine inizialmente abbastanza buoni, non ancora per il noce. Oscillanti per le altre colture.

La Regione è una delle principali produttrici di colture da seme in Italia. Nel distretto di Forlì-Cesena si registra in particolare la maggior presenza di ditte sementiere fra le circa 75 complessive presenti in Emilia Romagna, un terzo del totale nazionale. La provincia di Ravenna ha particolare importanza per la riproduzione di sementi orticole: circa il 30% della produzione regionale su una superficie ad ortive da seme di circa 3.000 ettari. Le anomalie climatiche, soprattutto di maggio, hanno influito negativamente sulla produzione di molte specie. Molto positiva invece la stagione per la cipolla, sia ibrida che standard, con rese sopra la media e qualità.

La campagna produttiva dei prodotti orticoli, per il fresco e da industria, è stata caratterizzata da una buona resa e una buona qualità fino a settembre 2019, qualche problema qualitativo successivo. Le orticole in genere hanno dovuto fare i conti con il sovrapporsi dei periodi di commercializzazione con le produzioni precoci del Sud e della Spagna. Disagi anche sul secondo raccolto per il protrarsi dell'estate fino a fine ottobre.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto