Avvisi

La clessidra





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I primi cetrioli da coltivazione sotto luce artificiale arrivano prima che mai

Kees Hendriks coltiva cetrioli nei Paesi Bassi. Il suo primo raccolto di sotto luce artificiale è arrivato a novembre e non gli era mai successo prima, così presto. Infatti, secondo lui è straordinario che il primo raccolto di cetrioli Qcumber fosse già in vendita all'asta dal 27 novembre 2019.

Inoltre, entro qualche anno si aspetta di poter fornire cetrioli olandesi per 12 mesi. "Posso permettermi di sostenere questa sfida grazie alle mie tecniche di coltivazione. Tuttavia, per consentire al mercato di adeguarsi, dovremo prolungare la stagione con gradualità".

Una buona illuminazione, ma non troppa
Kees coltiva i cetrioli sotto illuminazione artificiale in due serre. In totale. la superficie si estende su 6,1 ettari. Quest'anno, l'andamento è stato un po' diverso rispetto all'anno scorso, quando i primi cetrioli furono raccolti il 12 dicembre. Per essere precoci, c'è bisogno soprattutto di luce a sufficienza.

"Quest'anno abbiamo regolato leggermente la "ricetta dell'illuminazione". In realtà è una cosa del tutto logica. Se si vuole arrivare sul mercato prima, bisogna cominciare prima. In quel momento, c'è ancora una quantità maggiore di luce naturale. L'anno scorso ho raggiunto piuttosto facilmente le 20 ore di illuminazione. Quest'anno ho cominciato con 19 e sono passato a 19,5 solo negli ultimi giorni e sto ancora valutando se salire a 20".


Uno scorcio della serra nella settimana 47 del 2019. Fonte: Nick Rietveld

Kees ha notato che la coltura sembra reagire bene al passaggio a 19,5 ore di luce; il che è una cosa importante. "L'obiettivo è di individuare il limite massimo, ma non si vuole nemmeno testare troppo la resistenza della pianta. Voglio arrivare sul mercato in anticipo. Tuttavia, vorrei garantire anche continuità. Mi piace la coltivazione rapida, ma non voglio accelerare troppo".

Quest'anno è stato regolato anche il livello di illuminazione e la disposizione delle piante. "L'anno scorso c'erano ancora le vecchie lampadine appese nella serra precoce. Lì, quindi, ho optato per una distanza maggiore tra le piante, con 2,2 piante per metro quadro, perché fossero sufficientemente illuminate".

"Quelle lampadine sono state sostituite. Ora la disposizione delle piante è di 2,5 ogni metro quadro in entrambe le serre. Coltivo cetrioli sotto luci SON-T da 190 micromol".

Una varietà diversa
L'illuminazione è importante. Tuttavia, alla fine molto dipende anche dal tipo di cetriolo. La varietà utilizzata è cambiata dall'anno scorso. "Sono passato dalla varietà Hi Power alla RZ 24-282. Conduco dei test su questa cultivar già da due anni. In termini di produzione, eguaglia la Hi Power".

"Noto anche dei vantaggi. Questa varietà di cetrioli sembra essere meno sensibile al Pythium. Inoltre, produce anche meno frutti doppi - spiega Hendriks - Ritengo pure che questi cetrioli siano meno sensibili alla septoriosi. Inoltre, questa varietà ha una crescita in lunghezza più rapida. Quindi devo metterci meno impegno per ottenere il risultato. Credo che renderà di più, in media".

In programma c'è la produzione per tutto l'anno
Ora che i primi cetrioli sono stati raccolti, la stagione può cominciare. Il 27 novembre è stata venduta la prima confezione alla società VOF de Best, per 1.200 euro, che andranno in beneficenza. I coltivatori di cetrioli di The Greenery hanno raddoppiato tale cifra a 2.400 euro.

Kees è soddisfatto di aver avuto nuovamente successo e non vede l'ora di sperimentare di più. Vuole arrivare sul mercato ancora prima. "E' già tecnicamente possibile coltivare cetrioli olandesi per tutto l'anno. Ciò, ovviamente, comporta nuove sfide".

Questo è vero sia per quanto riguarda le tecniche di coltivazione che la commercializzazione del prodotto. "Il nostro vantaggio più grande rispetto ai cetrioli d'importazione è una fornitura di alta qualità, affidabile e costante. In questo senso, il fatto che alcune imprese si affidino a noi da diversi anni ne è la prova. Tra queste, le catene di supermercati olandesi Hoogvliet e Jumbo".

"Tuttavia, si nota che pure la domanda da parte dei rivenditori esteri è in aumento. Se altre parti si aggiungeranno - conclude Kees - nei prossimi anni potremo sicuramente passare a una fornitura di cetrioli per tutto l'anno.

Per maggiori informazioni:
The Greenery
Nick Rietveld
Tel: +31 (0) 180 657 824
Cell: +31 (0) 627 026 100
Email: n.rietveld@thegreenery.com 

Qcumber
Kees Hendriks
Email: keeshendriks@hetnet.nl 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto