Avvisi









Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Con reportage fotografico

Il settore internazionale della cipolla si riunisce all'Onion Symposium nei Paesi Bassi

Di recente, i fornitori olandesi di sementi di cipolla Broer, Bejo e De Groot en Slot hanno tutti avuto qualcosa da festeggiare. Broer ha compiuto 70 anni. E Bejo e De Groot en Slot sono partner da 50 anni. Le tre aziende hanno, quindi, tenuto un simposio sulla cipolla giovedì 14 novembre 2019.

Oltre 350 i visitatori appartenenti al settore mondiale della cipolla. Il 15 novembre sono state organizzate visite alle aziende Waterman Onions Tolsma Techniek, Gebr. De Zeeuw e Wentink Groenten.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico del Simposio.
Siem Beers e Gerrit de Groot danno il benvenuto ai partecipanti al simposio. 

Siem Beers e Gerrit de Groot hanno aperto il simposio. Gerrit è l'ex direttore di De Groot en Slot, azienda che vanta esperienza nello sviluppo e nella produzione di sementi di cipolla con sede a Creil, nella provincia dell'Olanda settentrionale. Qui vengono immagazzinati ogni anno 16.000 tonnellate di cipolle da seme. L'edificio è stato costruito nel 2012.

Broer produce, lavora e vende cipolle da seme da oltre 50 anni. La società opera in oltre 40 paesi in Europa e in Asia. Esporta i propri prodotti anche in Canada e negli Stati Uniti. Nel 2002, Bejo e De Groot en Slot hanno deciso di istituire un programma di breeding di cipolle. Volevano accelerare l'allevamento di varietà adeguate. E' nato così il marchio "Quality Inside". Nel 2004, Broer è stata rilevata da De Groot en Slot. Sono produttori esclusivi di questo marchio.

L'azienda coltiva cipolle da seme in varie località dei Paesi Bassi. Le coltivano anche con il partner russo Lukamore LLC, per il mercato locale in Russia. Broer ha una partnership con ESC nel Regno Unito. E in Spagna lavora con Bejo Iberica. Insieme, coltivano cipolle da seme al primo anno per il mercato mediterraneo.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico del Simposio.
Siem Beers

"I coltivatori di solito scelgono cipolle da seme al secondo anno in base a quanto precoci sono. C'è anche domanda da parte dell'industria di trasformazione, grazie al maggiore contenuto di sostanza secca di questo prodotto. Inoltre, c'è da considerare anche l'impressionante mercato hobbistico dell'Europa dell'Est", spiega Siem Beers, che sta investendo massicciamente nella sua seconda sede ad Andijk.

Ci vogliono 15 anni prima di poter vendere una varietà
Bas van den Hemel è il breeding manager di De Groot en Slot. Al simposio ha mostrato su una mappa del mondo dove si coltivano le cipolle. E' solo in Antartide che questa coltura non è ancora prodotta. Ma forse il cambiamento climatico cambierà questa situazione. De Groot en Slot e Bejo producono varietà adatte alla coltivazione in tutto il mondo. Le parole magiche del breeding sono "selezione" e "ibridazione". Tuttavia, ci vuole anche pazienza: sono necessari circa 15 o 16 anni perché una nuova varietà possa essere commercializzata. L'azienda ha attualmente 37.048 campi sperimentali in tutto il mondo.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico del Simposio.
Bas van den Hemel

In Africa e in America centrale e meridionale, le cipolle sono spesso un alimento base. In Europa e nel Regno Unito rappresentano, invece, un prodotto di nicchia. Anche le preferenze variano notevolmente da nazione a nazione. Ad esempio, gli olandesi preferiscono le cipolle dorate, mentre ai messicani piacciono quelle bianche. I peruviani mostrano una preferenza per le cipolle rosse. Nel breeding delle cipolle, anche la durata della giornata è estremamente importante. "Ogni mezz'ora meno o più di luce richiede una cipolla diversa. Questa è quindi una differenza tra i Paesi Bassi e il sud della Francia", spiega Basen.

L'attenzione è stata rivolta poi alla resa per ettaro e alla resistenza alle malattie (apparato radicale, buccia, compattezza e germinazione) tenendo presente cambiamenti climatici e regolamentazioni. "La resistenza alle malattie è un parametro importante quando si tratta di cipolle. Tuttavia, chi si aspetta una cipolla resistente al 100% rimarrà estremamente deluso. Non esiste", dice Van den Hemel.

"Ecco perché il breeding sulle resistenze non si ferma mai. Fortunatamente, molte delle nostre varietà sono altamente resistenti a diverse malattie. Queste includono Fusarium, Marciume rosa delle radici e la peronospora". Al Manager sono state chieste informazioni sull'uso della tecnica Crispr Cas. Ha risposto che, al momento, questa può essere utilizzata solo nella ricerca, non durante il breeding. "Potrebbe, tuttavia, offrirci delle opportunità e farci fare un passo avanti".

Cipolle biologiche ancora disponibili a luglio
L'olandese Roger Custers ha iniziato a coltivare cipolle in regime biologico nel 2014. A partire dalla prossima stagione, la sua attività sarà al 100% bio. Ha anche installato un sistema di essiccazione a condensazione nel suo deposito. Immagazzina circa 2.000 casse di cipolle e 300 di carote. Nel 2017, abbiamo dimostrato di poter continuare a fornire cipolle biologiche fino a luglio. Tutti dicevano che questo non potesse avvenire con cipolle biologiche. Ma ce l'abbiamo fatta".

Clicca qui per accedere al reportage fotografico del Simposio.
Roger Custers

Custers coltiva principalmente cipolle e carote biologiche e ha buoni contatti con gli acquirenti. Per via della rotazione delle colture, coltiva anche spinaci, barbabietola, cicoria e mais dolce su erba medica. Questo agricoltore ha scelto di arare in profondità tutti i suoi densi appezzamenti fino a una profondità di 1,6 metri.

Roger si è sempre interessato all'agricoltura biologica. Anche la sua attività convenzionale era molto redditizia; perciò non ha completato la conversione prima. Ora non ne è pentito. "Mi aspetto che, in dieci anni, raggiungeremo quasi le rese del regime convenzionale".

Le vendite nel settore biologico vengono effettuate in modo diverso, ha notato Roger. "Nell'ambito del convenzionali, gli agricoltori vedono spesso i commercianti come un nemico comune. Nel settore biologico, si lavora molto di più con i buyer per raggiungere il cliente finale. Ed entrambe le parti guadagnano soldi. La sovrapproduzione è un assassino. Ma, se si costruisce qualcosa insieme, si può andare molto lontano". Roger non si preoccupa del surplus di cipolla biologica. "Nel settore bio, non si vede qualcuno che aggiunge 40 ettari senza un obiettivo".

Nel 2050, serviranno 150 milioni di tonnellate in più di cipolle
Il presidente dell'associazione olandese delle cipolle, Gijsbrecht Gunter, ha tenuto un'infuocata conferenza sul commercio mondiale dell'ortaggio più consumato a livello mondiale. Secondo lui, diverse aree offrono opportunità per gli esportatori di cipolle. Queste non sono solo la crescita demografica (in Africa, si passerà da 1,4 a 4 miliardi di persone entro il 2050) e l'economia. Anche il consumo di frutta e verdura, soprattutto in Africa, Asia e Australia sono buone opportunità per questo settore. "Nel 2050, avremo bisogno di 150 milioni di tonnellate di cipolle in più".

Clicca qui per accedere al reportage fotografico del Simposio.
Gijsbrecht Gunter

Gunter afferma che l'espansione della superficie olandese dedita a cipolla non è, di fatto, illimitata. Questa nazione, tuttavia, ha una massiccia funzione di hub logistico. E' un buon punto di partenza per la ri-esportazione delle cipolle. La domanda perciò è: i Paesi Bassi dovrebbero diventare un paese esportatore, se necessario?

"Se non esportiamo, qualcuno dall'altra parte del mondo potrebbe morire di fame. Stasera, 820 milioni di persone andranno a letto affamati. Vivono in Paesi in cui le cipolle sono un alimento base. Possiamo perciò integrare le carenze globali in poco tempo, nonostante tutte le barriere commerciali e le restrizioni all'importazione".

Il Regno Unito importa meno cipolle ogni anno
L'ultimo a parlare al simposio è stato Ed Pissarro, agronomo della britannica P.G. Rix Farms Ltd e dell'impianto di confezionamento Stourgarden. Ha parlato degli sviluppi del mercato britannico. La superficie coltivata a cipolla nel Regno Unito è di circa 10.000 ettari. Nel 2019, il raccolto è stato definito "medio". Questo, dopo un memorabile 2018, dove le cipolle hanno germogliato senza sosta. Quest'anno, le cipolle da seme britanniche hanno una resa media di 55-60 tonnellate per ettaro.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico del Simposio.
Ed Pissarro

P.G. Rix Farms Ltd conta 2.450 ettari di cipolle. La disponibilità di acqua è un problema enorme in Regno Unito. Anche muffa, Fusarium e danni da sole sono sfide per la nazione. Secondo Pissarro, gli inglesi sono riusciti ad allungare la stagione di una settimana, in media, per anno, negli ultimi dieci anni. I Paesi Bassi e la Spagna sono i maggiori esportatori di cipolla verso il Regno Unito. Tuttavia, l'anno scorso molte cipolle di altre origini hanno raggiunto la costa britannica. Per esempio: Nuova Zelanda, Egitto e Cina.

Stourgarden è il fornitore preferito di Tesco. Ma c'è una forte concorrenza da parte di Aldi e Lidl sul mercato al dettaglio britannico. Nell'ottobre 2019, Lidl ha aumentato la sua quota al 15% (13,7% l'anno precedente). Secondo Pissarro, il mercato delle cipolle ha una crescita senza precedenti. Ciò è dovuto esclusivamente all'aumento dei prezzi. Aldi e Lidl sono gli unici supermercati che vendono cipolle al di sotto di 1 sterlina/kg.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico del Simposio.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto