Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Be Climate: il marchio per frutta e verdura a ridotte emissioni di CO2

Il progetto "Be Climate" è stato recentemente lanciato dalla Port International al Fruit Attraction di Madrid. Ma la verità è che, dal 2017, la Port è un'azienda CO2 neutrale e, da tre anni, offre ai suoi clienti prodotti CO2 neutrali. Con il vantaggio di aver maturato una certa competenza e con l'obiettivo di fare qualcosa di efficace rispetto ai cambiamenti climatici, dopo oltre un anno di intenso lavoro, l’azienda ha introdotto sul mercato il marchio Be Climate.

Dotato di un nuovo logo per attrarre l'attenzione del consumatore, Be Climate vuole che il mondo sappia quanta CO2 è stata neutralizzata prima che i consumatori acquistino i prodotti - che siano essi fragole, banane, clementine con foglia, mirtilli o asparagi verdi.

Il marchio Be Climate è stato creato dalla Port International al fine di contribuire a rallentare il riscaldamento globale e rendere partecipi clienti e consumatori circa la protezione del clima, in modo semplice e comprensibile.

Mike Port, amministratore delegato della Port International, afferma che non è sufficiente parlare di come le persone dovrebbero prendersi cura del clima del nostro pianeta. "Sebbene la questione del cambiamento climatico stia guadagnando sempre maggiore attenzione da parte del pubblico e la necessità di ridurre la CO2 venga discussa in molti forum, in tutto il mondo le emissioni continuano ad aumentare. Secondo i rapporti attuali, in tutto il mondo vengono emessi 38 gigatoni di CO2 all'anno. Per raggiungere una riduzione globale e rispettare gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, abbiamo urgentemente bisogno di sviluppi tecnologici, tra le altre cose. Ma questi sviluppi richiedono tempo. Al fine di agire immediatamente contro i cambiamenti climatici, un grande potenziale arriva dal commercio certificato e dalla compensazione delle emissioni". 

Pertanto, Port ha calcolato le emissioni totali di CO2 sviluppate dalla frutta o dalla verdura nel loro trasporto, dal Paese di origine al punto vendita, inclusi coltivazione, imballaggio e logistica. Quindi hanno ridotto le emissioni di CO2, laddove possibile, e quelle inevitabili sono state compensate sostenendo progetti certificati di compensazione del carbonio.

Mike Port sottolinea che la trasparenza svolge un ruolo centrale nel calcolo e nella compensazione delle emissioni e deve essere garantita per clienti e consumatori, in ogni passaggio. Per raggiungere questo obiettivo, gli imballaggi ora hanno un codice QR. Dopo aver scansionato questo codice, il consumatore viene indirizzato a una pagina specifica del prodotto, dove troverà tutte le informazioni sulla quantità della compensazione della CO2 e sui progetti di salvaguardia del clima. Port spiega che, con il marchio Be Climate, attualmente sostiene due progetti incentrati sul sostegno alle persone e all'ambiente dei Paesi in cui il cambiamento climatico è più evidente.

"Sosteniamo un progetto di acqua potabile pulita in Cambogia. Con l'aiuto di un sistema sovvenzionato di filtri in ceramica per l'acqua, il progetto fornisce a circa 1,7 milioni di persone acqua potabile pulita, rendendo superflua l'ebollizione dell’acqua con legna da ardere ed evitando così enormi quantità di emissioni di CO2. Inoltre, partecipiamo a un progetto di protezione delle foreste nella regione peruviana della Madre de Dios. Le misure comprendono, ad esempio, il rimboschimento, la gestione sostenibile delle foreste e la creazione di incentivi finanziari per proteggere i boschi. Sia il progetto sull'acqua potabile sia quello di conservazione delle foreste sono certificati secondo i più alti standard possibili".

Per garantire la trasparenza e la credibilità del marchio Be Climate, Port International sta collaborando con ClimatePartner, un fornitore di servizi riconosciuto a livello internazionale per gli studi e i rapporti sul clima. "Grazie a ClimatePartner, siamo stati in grado di ottenere tutti i certificati richiesti per i nostri prodotti, attraverso i progetti di compensazione del carbonio in Perù e Cambogia, che sosteniamo in parti uguali. Insieme ai nostri clienti, stiamo lavorando al nostro obiettivo di offrire un assortimento di frutta e verdura totalmente CO2 neutrali. Inoltre, useremo tutta la nostra influenza per creare gradualmente una filiera il più possibile rispettosa del clima, dall'inizio alla fine", conclude Port.

Per maggiori informazioni:
Lena Serrano / Julia Röder
Port International GmbH
Tel: +4940-301000 556 / +4940-301000 517
E-mail: lena@port-international.com  / julia@port-international.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto