Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Siccita' e gelo hanno delle conseguenze sull'uva cilena, ma le aspettative sono migliori rispetto allo scorso anno

La stagione cilena dell'uva da tavola inizierà a metà dicembre e, nonostante le condizioni climatiche avverse di questa stagione, le aspettative sono migliori di quanto non lo siano state lo scorso anno.

Nicolas Damm della Rio Blanco parla dei problemi legati alla siccità: "Quasi il 60-65% delle nostre uve da tavola viene coltivato in una valle molto colpita dalla siccità, perché priva di grandi bacini idrici. Ci affidiamo ai fiumi e ai canali che vengono riempiti dal deflusso dovuto allo scioglimento della neve sulle Ande. A causa delle basse precipitazioni, tuttavia, abbiamo carenza d'acqua. I nostri coltivatori hanno dei pozzi per affrontare il problema, ma anche questi hanno poca acqua, quindi potrebbero non fare una grande differenza".

Oltre alla siccità, l'area è stata anche colpita da gelate tardive. “Il gelo ha colpito durante la fioritura precoce del raccolto e prevediamo dei danni su alcune varietà. Le nostre prime stime ci indicano un calo del volume del 5-6%, per alcune varietà, a causa del gelo e della siccità, ma sono previsti volumi complessivi simili alla scorsa stagione", afferma Nicolas.

Come se i problemi meteo non fossero sufficienti, i coltivatori e gli esportatori devono anche affrontare le proteste e gli scioperi nei porti. Fortunatamente per i produttori di uva da tavola e ciliegie, non ci sono state ripercussioni.

Nicolas spiega: "Dato che non abbiamo ancora iniziato la nostra stagione delle uve da tavola, non siamo ancora stati colpiti dalle chiusure portuali. La stagione cilena delle ciliege è appena iniziata, ma non le stiamo ancora esportando. Se le chiusure dei porti dovessero continuare fino al periodo di alta stagione, allora potrebbe essere un problema. Un’altra questione è quella che riguarda la sicurezza dei lavoratori e se. visti i disordini in corso, riusciranno a raggiungere le aziende agricole".

Rio Blanco esporta circa il 50% del proprio prodotto negli Stati Uniti. "Gli States sono il nostro mercato principale per le varietà di uva da tavola senza semi. Vendiamo una buona quantità di Red Globe ma non va negli Stati Uniti, perché lì i rivenditori preferiscono le varietà senza semi e brevettate". 

C'è tuttavia ancora richiesta per le varietà tradizionali bianche, senza semi: "Alcuni supermercati le preferiscono perché possono fornirle a prezzi più bassi, e la domanda è stata forte perché l'offerta del Cile per queste varietà è in calo. La maggior parte dei coltivatori cileni ha iniziato a sostituire le varietà Thompson e Sugraone con quelle brevettate, perché molto più redditizie. La manodopera per le Thompson e Sugraones è troppo costosa e i frutteti sono spesso molto più vecchi e producono meno. Ma poiché siamo in un periodo di transizione, le nuove varietà non hanno ancora raggiunto il loro pieno potenziale produttivo".

Mentre il settore in Cile è in fase di transizione, il Perù è felice di andare a colmare il divario. Nicolas dice: "La stagione del Perù si sovrappone alla nostra e quindi rappresenta una forte concorrenza per noi. Quest'anno, la competizione degli Stati Uniti non sarà un grande problema perché le loro varietà bianche senza semi termineranno in anticipo, a metà dicembre. Anche il Messico sta crescendo come concorrente. La loro stagione inizia sempre prima ogni anno, perché stanno espandendo la loro area di coltivazione".

La società ha aumentato l’offerta di imballaggi in clamshell, per i rivenditori statunitensi. "Forniamo cestini con pesi stabiliti, a seconda dei rivenditori, e abbiamo anche realizzato formati diversi per varietà speciali. Questo offre loro un valore aggiunto e fa aumentare prezzo e domanda", conclude Nicolas.

Per maggiori informazioni: 
Nicolas Damm
Río Blanco
Tel: +56 (2) 2307 4100
Email: nicolas.damm@rioblanco.net  
www.rioblanco.net 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto