Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Scoperto un caso di ToBRFV a Westland, nei Paesi Bassi

La scoperta del ToBRFV (Tomato brown rugose fruit virus) a Westland, nei Paesi Bassi, è stata definitivamente confermata il 17 ottobre. Il ministro dell'Agricoltura (LNV), Carola Schouten, lo ha scritto in una lettera alla Camera dei Rappresentanti, in seguito a un rapporto dell'Ente fitosanitario (NVWA).

Il rapporto dichiara che il virus è stato individuato il 7 ottobre in una serra da 2,8 ettari, dove l'8% delle piante mostravano i sintomi. Inoltre, i pomodori maturavano più lentamente.

NVWA ha individuato un'infezione del virus Pepino mosaic virus (PepMV) nella coltura. I sintomi potrebbero derivare dal PepMV o da un'infezione combinata dei due virus.

NVWA ha dichiarato che l'infezione sospettata come ToBRFV si basa sul DAS-ELISA, su test biologici e sui risultati in tempo reale del test PCR. I primi sintomi sono stati osservati da un ispettore il 1 ottobre, durante un'indagine specifica condotta tra le società di coltivazione olandesi.

Inizialmente la sua presenza era solo un sospetto, al quale si è poi aggiunto un secondo sospetto di infezione anche a Westland. Per questo motivo NOS e altri media nazionali, tra cui "De Telegraaf", hanno parlato del ritrovamento del virus.

Ricerca NVWA
Secondo gli ispettori fitosanitari, al momento si sta cercando di rintracciare la fonte del virus e l'indagine è ancora in pieno svolgimento. NVWA organizza anche consultazioni amministrative con i rappresentanti del settore e riunioni informative per tenere aggiornati i coltivatori il meglio possibile. I Paesi Bassi hanno informato anche la Commissione Europea. Il rischio per il commercio delle sementi è limitato. Queste società dovranno testare le sementi prima di metterle in circolazione. Queste garanzie sono state in gran parte implementate dalle società sementiere olandesi. Per quanto riguarda l'export, ciò dovrà essere fatto anche da diversi paesi terzi.

Un ritrovamento da un produttore di pomodori non comporta la distruzione completa della serra. Tuttavia, in un caso del genere vengono imposte misure igieniche rigorose alla società per evitare l'ulteriore diffusione. La società deve presentare a NVWA un piano di azione a questo scopo e attendere l'approvazione. NVWA si occupa di controllare che ci sia conformità. I frutti non interessati possono semplicemente essere rimossi.

Vivaisti
Da questo momento in poi, dal momento che i Paesi Bassi non sono più una zona considerata libera dal ToBRFV, i requisiti aggiuntivi si applicheranno alla commercializzazione delle piante di pomodoro e peperone per tutti i produttori di piante olandesi. I rischi sono maggiori per i produttori rispetto agli agricoltori, dal momento che se il virus viene individuato, l'intero lotto deve essere eradicato.

Dal momento che il virus è altamente contagioso, non può essere esclusa a priori una sua ulteriore diffusione.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto