L'opinione di F. Sánchez, della Onubafruit

I retailer continuano ad aumentare e hanno bisogno di fornitori sempre piu' grandi

La campagna dei lamponi è già in pieno svolgimento presso la cooperativa spagnola di secondo grado Onubafruit, leader nella produzione e commercializzazione di piccoli frutti.

"Abbiamo sicuramente le migliori varietà di lamponi sul mercato, che produciamo in esclusiva. La ricerca e lo sviluppo sono essenziali per noi, quindi stiamo collaborando con i coltivatori sullo sviluppo delle nostre varietà esclusive o di mirtillo e fragola nella formula del club varietale", afferma Francisco Sánchez, direttore della Onubafruit.

Questa campagna prevede una produzione di oltre 13.000 tonnellate di varietà esclusive di lamponi, circa 40.000 tonnellate di fragole, che vengono ancora ripiantate, e 17.000 tonnellate di mirtilli, attualmente importate fino all'inizio del raccolto spagnolo. Sta iniziando proprio ora anche la raccolta dei kaki, con Huelva che rappresenta la produzione maggiore, con oltre 10.000 tonnellate all'anno. Circa 15.000 tonnellate di agrumi e 700 tonnellate di melagrane completano la gamma dei prodotti.

"Non potremmo avere un tale potenziale se non avessimo così tanti produttori; questo è sicuramente uno dei nostri punti di forza. Le catene di supermercati continuano a crescere ed espandersi, quindi hanno sempre maggiore bisogno di fornitori più grandi, in grado di garantire un approvvigionamento affidabile", afferma il manager di questa società. "Siamo i più grandi di Huelva e puntiamo a conservare questa posizione".

Le destinazioni d’esportazione sono principalmente in Europa, sebbene continuino a crescere anche i mercati asiatici come Cina, Singapore, Hong Kong o Malesia. "Stiamo ancora aspettando l'approvazione del protocollo che ci consentirà di spedire kaki e mirtilli in Cina. Penso che, in Spagna, il processo di apertura di nuovi mercati sia piuttosto lento, rispetto ad altri Paesi".

L'azienda sta inoltre investendo nell'ampliamento della propria gamma, con l'introduzione dei frutti esotici. "Abbiamo già 200 ettari di avocado, che diventeranno produttivi il prossimo anno, e stiamo valutando la coltivazione di altri esotici, come il mango, per il quale vediamo un grande potenziale a Huelva, così come la pitahaya o il dragon fruit", dice Sánchez.

"Vogliamo produrre sempre più in modo sostenibile. Siamo consapevoli che il futuro si basi su questo. Commercializziamo frutta che produce meno rifiuti, prodotta in modo più rispettoso dell'ambiente. Inoltre, stiamo gradualmente riducendo l'uso della plastica nel packaging".

Onubafruit sta presentando la sua nuova immagine al Fruit Attraction, presso lo stand 9E11.

Per maggiori informazioni:
Onubafruit S.Coop.And.
T: +34 959 540 844
vrodriguez@onubafruit.com
www.onubafruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto