Avvisi

La clessidra



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Seminario all'Open Day della Vitalis

Tendenze di mercato nel settore del biologico

La Vitalis Organic Seeds (divisione per le sementi bio dell'azienda sementiera Enza Zaden, NdR) ha recentemente festeggiato il suo 25mo anniversario. Per questa ricorrenza, sono stati organizzati diversi seminari. Hans-Christoph Behr dell’AMI, società tedesca di ricerche di mercato nel settore agricolo, ha parlato delle tendenze nel mercato bio europeo.

"Il mercato biologico sta crescendo in tutti i Paesi di questa regione", afferma. "Negli ultimi decenni, si è notata una chiara tendenza al rialzo. Tuttavia, non possiamo prevedere che questa crescita prosegua in futuro. Questi dati dipendono infatti da diversi fattori, come la situazione economica. La crescita, se si guardano le cifre, ha avuto un rallentamento durante la crisi economica 2012-2013".


Hans-Christoph Behr alle celebrazioni per il 25mo anniversario di Vitalis.

Il mercato del biologico
"Germania, Francia e Italia rappresentano i mercati bio più importanti. Ma non è così se si considerano i consumi domestici procapite: in questo caso, sono la Svizzera e la Scandinavia a ottenere il massimo dei voti. Se guardi ai Paesi Bassi, vedi che la coltivazione biologica è stata in costante aumento negli anni recenti, mentre ora sta lentamente diminuendo".

Nel segmento biologico, i consumatori acquistano principalmente uova, frutta e verdura. Nell'ambito ortofrutticolo, si acquistano sempre più cipolle biologiche, verdure a foglia verde e valerianella. Secondo Hans-Christoph, le carote biologiche sono diventate la normalità. "Ma ci saranno altre novità".

Prodotto premium
Hans-Christoph mette in guardia sul modo in cui i prodotti bio vengono commercializzati. "Nel Regno Unito, i prodotti biologici sono etichettati come prodotti premium, ma sono molto più di questo. Quando le persone confrontano questi prodotti con quelli convenzionali, spesso non trovano alcuna differenza. Pertanto, smettono di acquistarli, non comprendendo perché mai dovrebbero spendere di più".

"Dobbiamo evitare che ciò accada". Hans-Christoph dice che è pericoloso, perché è sbagliato vendere ortaggi biologici come marchi di alta gamma. "Se vuoi convincere il consumatore ad acquistare prodotti bio, devi piuttosto sottolineare la qualità dei loro processi di produzione".

Sviluppi nel commercio al dettaglio
I supermercati stanno aumentando la loro quota di mercato per i prodotti bio freschi. Questo incremento comporta dei cambiamenti nel settore commerciale e nei supermercati stessi. Hans-Christoph dice: “I supermercati sono importanti per i consumatori come fonte di acquisto di ortaggi bio ma, in generale, attualmente l'offerta è limitata".

"Questo avvantaggia supermercati e negozi biologici che offrono una gamma più ampia. Anche lo shopping online di frutta e verdura bio è in aumento, perché ci sono più prodotti disponibili online, che non nei negozi".

Esportazioni
Attualmente, la normativa europea non prevede che si possa certificare come biologica la produzione fuori suolo. Ciò rende inutile il vantaggio tecnologico della produzione in serra nell'Europa nord-occidentale. L'ortofrutta biologica viene esportata dall'Europa meridionale verso i Paesi settentrionali. "La stagione biologica è quindi più lunga della corrispondente stagione convenzionale di esportazione", spiega Hans-Christoph.

"In Germania, nel 2017/18, è stato importato l'87% dei volumi totali di frutta e verdura bio commercializzata. Questi prodotti provenivano principalmente dalla Spagna. Quest'ultima esporta prodotti biologici anche in estate, perché i coltivatori spagnoli possono utilizzare un substrato "nascosto": replicano l'agricoltura su substrato, ma in maniera naturale. Questo tipo di coltivazione è consentita nell'agricoltura biologica".

Concorrenza tra le diverse varietà di pomodori
Le vendite di pomodori biologici sono in aumento in Francia. Al contrario, si sono fermate quasi del tutto in Germania. Perché? "Pomodori cocktail e ciliegino stanno guadagnando terreno in Germania, nelle aree dedicate ai pomodori convenzionali. Questi non si trovano quasi mai nelle versioni biologiche. I pomodori tedeschi sono più ovali e più costosi".

"In Francia, non c’è molta disponibilità di pomodori ciliegino, garantendo una minore concorrenza per le versioni bio. I pomodori convenzionali in alcuni Paesi hanno successo, e questo limita la vendita di tipologie biologiche più resistenti. Queste includono pomodori con una lunga durata di conservazione", conclude Hans-Christoph.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto