Guarda le foto delle aziende presenti ad Asia Fruit Logistica

Italiani in ordine sparso anche a Hong Kong

Ancora una volta, l'Italia si è presentata a una fiera internazionale piuttosto divisa. Stiamo parlando di Asia Fruit Logistica, rassegna che si è svolta a Hong Kong dal 4 al 6 settembre 2019. "Sì, sarebbe bello essere tutti in un'unica zona, magari con un grande tricolore a circondare tutti gli stand, ma pare impossibile arrivarci", ha commentato un espositore.

Clicca qui per il reportage fotograficoA destra e a sinistra gli spazi italiani

Spagna, Paesi Bassi, Perù, Germania, Francia, Argentina sono solo alcune delle nazioni che si sono presentate unite in fiera. L'Italia era rappresentata in uno spazio coordinato dal CSO; poi ve ne era un altro con una decina di imprese. Infine, alcune aziende erano sparse in altre zone dei due grandi padiglioni.

Clicca qui per il reportage fotografico Grande impatto visivo per l'area dedicata alla Spagna

L'ultima giornata non ha detto molto. Pochissimi visitatori e l'abbandono della fiera da parte degli espositori già in tarda mattinata, anche a seguito della chiusura anticipata (alle 15) per dare la possibilità a tutti di evitare problemi dovuti a eventuali proteste della popolazione, che comunque non si sono verificate.

Clicca qui per il reportage fotografico

A ogni modo, per gli operatori italiani la fiera si chiude con un bilancio positivo. I contatti avuti sono stati molti da parte di quasi tutti gli operatori intervistati. Gradita anche la visita del console Clemente Contestabile, al quale gli operatori hanno chiesto un interessamento per risolvere alcuni protocolli per la commercializzazione di frutta in Oriente. 

Clicca qui per il reportage fotografico Carlo Lingua

Su questo tema è intervenuto anche Carlo Lingua di RK Growers: "In questi giorni avremo venduto un bel po' di uva da tavola in Cina se avessimo avuto il protocollo. Tutti i politici, ministri e sottosegretari dicono sempre che si interesseranno al problema degli accordi fitosanitari, ma in definitiva le cose vanno sempre a rilento".

Clicca qui per il reportage fotografico Giulia Montanaro

"La possibilità di vendere mele in Vietnam e Taiwan - ha detto Giulia Montanaro di Assomela - dovrebbe arrivare a compimento entro i prossimi mesi. In Vietnam forse già a dicembre".


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto