Ricerca statunitense sul biofilm prodotto dai batteri: spesso rende la Listeria difficilmente eliminabile

NFO ha riportato che i batteri dannosi presenti nei centri di imballaggio potrebbero nascondersi sotto un biofilm di batteri buoni. Ciò è quanto emerge da un'indagine condotta in tre centri di imballaggio delle mele negli Stati Uniti in cui, nonostante la disinfezione, il batterio Listeria ha continuato a essere ostinatamente presente. L'indagine è stata condotta dall'Università della Pennsylvania. I risultati della ricerca permetteranno di sviluppare nuove strategie per prevenire in futuro le epidemie di Listeria e le azioni di ritiro dal mercato.

In uno dei centri di imballaggio in cui il batterio è stato individuato più spesso rispetto alla media erano presenti anche più batteri appartenenti alla famiglia delle Pseudomanadacee e altre muffe.

Questi microrganismi sono particolarmente efficienti nella formazione di biofilm, che spesso si presentano come strati viscosi. I ricercatori ritengono che questi microrganismi benevoli in realtà promuovano lo sviluppo di Listeria proteggendola al di sotto di un biofilm scarsamente permeabile. Ciò può spiegare la persistenza del Listeria in alcuni centri di imballaggio. 

Sulla base di questi risultati, i ricercatori esamineranno anche la possibilità che questi batteri "buoni" possano agire da nemici naturali per il batterio Listeria.

Fonte: NFO


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto