Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Trasformare i rifiuti di frutta e verdura in pigmenti naturali

Nicole Stjernsward, laureata all'Imperial College di Londra, ha inventato Kaiku, un sistema che trasforma le piante in pigmenti di vernice in polvere, utilizzando la tecnica della vaporizzazione. Con essa, trasforma i rifiuti di frutta e verdura in pigmenti naturali. Avocado, melagrane, barbabietole, limoni e cipolle sono solo alcuni dei frutti e delle verdure che possono essere inseriti nel sistema Kaiku e trasformati nella materia prima per vernici, inchiostri e coloranti.

Stjernsward ha progettato Kaiku per offrire un'alternativa naturale all'utilizzo di pigmenti artificiali che spesso possono essere tossici.

Le bucce vengono bollite in acqua per produrre un colorante che viene trasferito in un serbatoio del sistema Kaiku. Insieme all'aria calda e pressurizzata, questo colorante viene fatto penetrare, attraverso un ugello spruzzatore, in un aspirapolvere di vetro. La fine nebbiolina prodotta è talmente calda da diventare vapore quasi all'istante e le particelle secche vengono trascinate attraverso la camera e nel serbatoio di raccolta.

"Passando ai pigmenti a base naturale, sarà più facile per noi riciclare i prodotti e renderli più circolari", ha dichiarato Stjernsward a Dezeen .

"Poiché oggi molti pigmenti sintetici sono tossici o realizzati con materiali discutibili, il colore è generalmente considerato una ‘contaminazione’, secondo i principi dell'Economia circolare", ha aggiunto. "Spero di cambiare questo paradigma."

Stjernsward ha dato vita al suo progetto intervistando degli artisti e incontrando David Peggie, un chimico che lavora alla National Gallery di Londra, per conoscere meglio i pigmenti di vernice utilizzati sia dai vecchi maestri della storia dell'arte, sia dai pittori contemporanei.

In origine i pigmenti erano naturali, come il blu dei lapislazzuli, i gialli dall'argilla ocra e i rossi dalle ali polverizzate della cocciniglia. Le verdure, ad esempio le cipolle, venivano tradizionalmente utilizzate per tingere i tessuti.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto