Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Nuovo metodo per scoprire se le patate sono biologiche o meno

I ricercatori dell'Università di Copenaghen hanno sviluppato un nuovo approccio che aiuta le agenzie pubbliche e le attività commerciali a combattere gli alimenti biologici etichettati in modo fraudolento. Si articola attraverso ispezioni su come vengono fertilizzate le piante. Tale metodo fornisce una descrizione più approfondita e accurata dei prodotti con marchio di qualità ecologica, verificando che siano effettivamente bio. Secondo gli esperti, la frutta e la verdura biologiche importate sono esposte alle frodi alimentari.

L'aumento della domanda da parte dei consumatori e i maggiori profitti per i produttori hanno reso gli alimenti biologici più esposti alle frodi alimentari. I controlli alimentari danesi sono rigorosi: il Paese è uno dei pochi in Europa ad avere alimenti biologici controllati a livello nazionale. Tuttavia, nei Paesi di provenienza di molti di questi alimenti, i controlli variano.

“Mentre in Danimarca non si è ancora verificata una situazione di frode nell'etichettatura di prodotti biologici, spesso dimentichiamo che la nostra alimentazione è di provenienza globale e che molti prodotti vengono spesso importati da Paesi dove, invece, sono state documentate delle frodi in tal senso. Come ad esempio nell'Europa meridionale, da dove proviene una grande quantità di frutta e verdura bio", secondo il professore associato Kristian Holst Laursen, che negli ultimi dieci anni ha lavorato sui metodi di rilevamento delle frodi alimentari.

Identificazione dei residui di pesticidi
L'attuale mezzo per scoprire se un prodotto è biologico o meno, si basa sull'identificazione dei residui di pesticidi. Secondo Kristian Holst Laursen, questo metodo è tutt'altro che sicuro. Ad esempio, l'uso di pesticidi in un campo vicino o tracce di una precedente produzione convenzionale in un campo ora coltivato biologicamente, possono contaminare le colture. Inoltre, l'analisi dei residui di antiparassitari non è in grado di rivelare se sono state rispettate tutte le regole per la produzione biologica, come l'assenza di fertilizzanti inorganici.

"Il nostro metodo non rivela se siano stati utilizzati pesticidi, ma se le piante biologiche siano state fertilizzate correttamente. Pertanto, il metodo integra i controlli analitici esistenti e, nel complesso, fornisce un quadro molto più dettagliato circa la storia della coltivazione", spiega Kristian Holst Laursen .

Fonte: news.ku.dk


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto