Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cresce l'export ortofrutticolo spagnolo nel primo semestre dell'anno

Le esportazioni di frutta e verdura spagnole hanno registrano una crescita pari al 4,1% nel primo semestre dell'anno. Le vendite di frutta e verdura fresca sui mercati esteri sono aumentate del 4,1% nella prima metà dell'anno rispetto allo stesso periodo del 2018, avendo raggiunto i 7,816 miliardi di euro. In volume si è registrata una crescita del 10% fino ai 7,4 milioni di tonnellate.

L'export di ortaggi si aggirano intorno ai 3,531 miliardi di euro (+10% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente). Da evidenziare il buon risultato del peperone con 693 milioni di euro (+16,1%) che diventa il primo ortaggio esportato dalla Spagna nel periodo preso in considerazione, della lattuga con 459 milioni di euro (+5,5%), del cavolo con 381 milioni di euro (+20,6%) e degli altri ortaggi in generale, considerando anche i raccolti minori, con 143 milioni di euro (+30,3 %). Va altresì messo in evidenza  il successo della patata che cresce del 23% per volume, con 155.000 tonnellate e del 58% per valore, con 100 milioni di euro.

Le esportazioni di frutta sono state pari a 4,285 miliardi di euro, registrando un calo dello 0,2%. Tuttavia, va sottolineato il buon andamento dei frutti rossi che raggiungono il loro massimo storico con un valore di 1.233 milioni di euro complessivi: prima la fragola con 574 milioni di euro (+ 3,5%), seguita dal lampone con 314 milioni di euro (+ 10,3%) e dal mirtillo con 307 milioni di euro (+ 6,2%). Tuttavia la crescita del volume di questi prodotti è superiore a quella registrata dal loro valore.

Per ciò che riguarda le importazioni di frutta e verdura fresca, nella prima metà del 2019 hanno raggiunto i 1,539 miliardi di euro, con una crescita del 4,7%, corrispondente a 517 milioni per la verdura (+24,5%) e a 1,022 miliardi per la frutta (-3%), secondo i dati di Fepex-Federazione spagnola di Associazioni di Produttori ed Esportatori ortofrutticoli.

Per quanto concerne gli acquisti spagnoli di ortaggi, la patata gioca un ruolo decisivo (+79%) con un valore di 188 milioni di euro. Sono inoltre aumentate le importazioni di pomodori con 65 milioni di euro (+27%) e di cipolle con 26 milioni di euro (+32%) e 47.783 tonnellate. L'import di peperoni si stabilizza a 41 milioni di euro, aumentando però il suo volume del 7,5% con 42.778 tonnellate e quello di fagioli del 14% con 48.548 tonnellate.

Nelle importazioni di frutta si osserva una generale diminuzione del valore in quasi tutti i prodotti, a eccezione dell'uva da tavola, che cresce del 20% in valore ammontando a 63 milioni di euro, e dei mirtilli pari a 85 milioni di euro. Rimane alto il volume delle importazioni di lamponi, con 120 milioni di euro, e di frutti tropicali, principalmente avocado, mango, ananas e banana. 

Fonte: ICE MADRID


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto