L'etilene come alternativa senza residui agli anti-germoglianti per patate

A partire dal 2020, la Commissione europea ha vietato l’uso del Clorprofam (CIPC) come inibitore del germoglio nelle patate. Questo rappresenta una sfida per molti coltivatori, Dirk Garos lavora già da 13 anni in una società di attrezzature di stoccaggio, la Restrain, per introdurre l'etilene nelle celle di conservazione dei tuberi. Questo composto chimico blocca la formazione dei germogli.

"Siamo vicini a un'importante svolta: non solo in Europa, ma a livello globale, le persone sono alla ricerca di alternative senza residui al CIPC, gli agricoltori cercano di consegnare le patate in perfette condizioni per tutto l'anno. Questo sforzo non deve andare vanificato nell'ultima fase, quella dello stoccaggio", afferma Dirk.

"All'inizio del secolo, Tesco contattò un suo fornitore, la Greenvale. Volevano che Greenvale verificasse la possibilità di fornire patate senza residui. Il progetto ebbe successo e si decise di creare un'azienda dedicata. E così è nata la Restrain Company Ltd. Oggi siamo attivi in 36 Paesi".

"Quando ho cominciato, 13 anni fa, ho visto che la tendenza verso i prodotti senza residui non si fermava. Il divieto di utilizzo del CIPC sta costringendo molti coltivatori a cercare delle alternative. Tuttavia, altre sostanze sono già presenti sulla lista di quelle da bandire. Inoltre, sarà molto più difficile ottenere l'autorizzazione per nuove sostanze".

L'etilene si è già stato dimostrato un efficace anti-germogliante. Oggigiorno, un milione di tonnellate di patate vengono trattate con 1.300 generatori. Questi sono ora generatori di quinta generazione. Le prove hanno dimostrato che l'agente anti-germogliante migliora anche la qualità della frittura nei tuberi da industria.

Il successo della Restrain risiede nella semplicità e nell'affidabilità del suo sistema. Esso può essere installato nell'impianto di stoccaggio in soli cinque minuti. Un generatore della Restrain e un sensore forniscono una bassissima concentrazione di gas di etilene. Un gas dinamico, che pesa all'incirca come l'aria. Si diffonde quindi su tutte le patate, indipendentemente dal fatto che vengano conservate sfuse o in contenitori.

Durante lo stoccaggio, la produzione di etilene viene bloccata dal generatore Restrain, quando raggiunge il livello massimo. La produzione si riavvia quando viene invece rilevato il livello minimo. Il trattamento prosegue fino a quando l'ultimo tubero lascia il magazzino. Non ci sono ulteriori richieste per l'impianto di stoccaggio. Dal momento che ha una capacità di quasi 6.000 tonnellate, una macchina può fornire l'etilene a tutte le patate che vengono immagazzinate.

"La domanda è molto alta ora. Patatine fritte, chips, tuberi da amido - chiunque abbia qualcosa a che fare con lo stoccaggio delle patate ne è interessato", continua Dirk. E aggiunge che la disponibilità delle loro macchine non è un problema. "Produciamo le nostre macchine in lotti da 500. Se necessario, possiamo arrivare fino a 1.000 unità".

"Esistono delle alternative, tuttavia lo svantaggio è che non sono consentite in tutti i Paesi, e sono anche più difficili da applicare. Ad esempio, è necessario sigillare ermeticamente il magazzino di stoccaggio, altrimenti la sostanza fuoriesce. Siamo da quattro a sei volte meno costosi di qualsiasi altra attuale alternativa al CIPC ", conclude Dirk.

Contatti:
Dirk Garos
Restrain Company Ltd
Mob. +31 (0) 653 869 221
Email: Dirk.Garos@restrain.eu.com 
Web: www.restrain.eu.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto