Focus sul mercato mondiale delle arance

Il mercato mondiale delle arance sta affrontando delle difficoltà. Le arance sudafricane, e gli agrumi in generale, sono interessati da ritardi nei porti di Durban e Port Elizabeth. Con molta probabilità in Argentina il gelo ha causato notevoli danni. In questa stagione anche la Spagna ha registrato problemi dovuti al clima e in Italia il virus Tristeza ha avuto un certo impatto sul volume delle arance. Attualmente la stagione è in transizione da Paesi come Egitto, Marocco, Spagna e Italia a Sud America, Sudafrica e Australia. Negli Stati Uniti la stagione di California e Florida è agli sgoccioli e si sta passando all'import da nazioni come il Cile.

Un'altra sfida per il settore arance sono le fitopatie come il citrus greening, la macchia nera (CBS-Citrus Black Spot) e il cancro batterico degli agrumi. L'Ue sta adottando delle misure per prevenire la diffusione di queste fitopatie con severe misure d'importazione. Anno dopo anno la Florida registra una ripresa dal citrus greening e assiste a un lento aumento della produzione.

Paesi Bassi: mercato limitato per le arance Navel precoci
L'offerta di arance Navel precoci diminuisce ogni anno. Gli importatori affermano che ci sono meno Navel a disposizione nella prima parte della stagione. Quest'anno il volume di arance di II classe è elevato a causa dei danni da vento. Come succede anche per i mandarini Satsuma, notiamo che il mercato delle arance Navel precoci è limitato. In tale periodo ci sono le arance Valencia da Egitto, Marocco e Spagna, con cui difficilmente si può competere in termini di prezzo.

Nel frattempo in alcune zone del Sudafrica si è cominciato con le arance Navel medio-tardivee con le Valencia; ci si aspetta che il volume sarà un po' più basso rispetto all'anno scorso. In queste settimane le difficoltà riguardano i problemi nei porti sudafricani, soprattutto Port Elizabeth e Durban, ma anche a Città del Capo il vento ha causato alcuni ritardi.

Germania: mercato caratterizzato da una domanda moderata
Secondo un commerciante, al momento in Germania il mercato degli agrumi si trova in un'impasse. La domanda è estremamente limitata a causa della presenza di frutta estiva. Fino alla settimana scorsa era disponibile prodotto spagnolo in abbondanza. Anche ora continuano a esserci arance spagnole, ma quelle sudafricane vengono preferite. Al momento a dominare l'offerta sono le arance sudafricane Valencia Late. Un commerciante riporta: "La qualità dei volumi attuali è molto buona con un prezzo all'ingrosso normale per questa fase della stagione: 11,50-12 euro a collo".

Francia: prezzi bassi
Attualmente sul mercato francese ci sono arance marocchine e spagnole. La stagione sta terminando e nel giro di due settimane arriverà il prodotto sudafricano e uruguaiano. Per quanto riguarda la domanda, la situazione è tranquilla nei mesi estivi. I prezzi sono quindi molto bassi. Tra una o due settimane il mercato si riprenderà e i prezzi aumenteranno.

Spagna: le condizioni climatiche e l'accavallamento della produzione non aiutano
A Huelva, in Spagna, tonnellate di arance non sono state raccolte a causa della scarsa domanda e dei prezzi bassi sul mercato europeo. Ciò è dovuto principalmente alle importazioni dall'Egitto e dal Marocco. Attualmente, le varietà tardive di questa stagione, come le Navelina e le clementine Ortanique, vengono esportate in Germania a un prezzo ragionevole.

Le alte temperature estive e la scarsità di precipitazioni hanno portato a calibri ridotti delle arance. La stagione delle varietà precoci ha subito un ritardo di due settimane, creando un accavallamento delle produzioni sul mercato. Inoltre, in alcune regioni le piogge torrenziali registrate in autunno hanno ridotto il raccolto e hanno avuto un impatto sulla qualità. Oltre che con le condizioni meteorologiche, la produzione spagnola si è andata a sovrapporre a quella di Sudafrica, Marocco, Tunisia ed Egitto. Di conseguenza, i prezzi delle arance spagnole sono stati più bassi del 39% in media, con una riduzione del valore pari al 40% per questa stagione. La Spagna sta adottando misure per limitare la produzione di arance.

Italia: il virus Tristeza è stata una sfida questa stagione
La stagione siciliana delle arance è terminata alla fine di giugno. Il mercato europeo è stato dominato dalle nuove varietà Tarocco, come TDV, Ippolito, Meli e Sciara, che vengono apprezzate per colorazione, sapore e calibro. La campagna si è caratterizzata per una certa difficoltà nel reperire il prodotto sia per il fresco che per l'industria del trasformato. Si è verificato un calo nella produzione a causa del virus Tristeza. Attualmente le arance che arrivano sul mercato italiano provengono da Sudafrica e America Latina.

Ci sono varietà tardive (Valencia Late e Chislett) la cui stagione di raccolta comincia a fine giugno e che, grazie alla frigo-conservazione, potranno essere vendute fino ad agosto. Piccole zone di produzione di arance Valencia si trovano in Sicilia, Sardegna, Calabria e Puglia. Per le arance italiane la minaccia arriva da fitopatie come il virus Tristeza, che viene superata mediante l'uso di un portainnesto tollerante e l'Exocortite, facilmente trasmissibile con attrezzi da taglio. Il citrus greening, la macchia nera e il cancro batterico degli agrumi non sono stati rilevati in Italia.

Egitto: futuro leader di mercato?
L'export di arance egiziane aumenta ogni anno. Nel Paese i costi di coltivazione sono bassi e, rispetto ad altre nazioni produttrici, registra poche difficoltà legate al clima. Alla fine del 2019, l'Egitto potrebbe diventare il leader mondiale nell'export di arance.

Argentina: danni dovuti al gelo nel nord del Paese
La settimana scorsa la provincia di Entre Rios è stata interessata da gelate, con temperature che sono scese fino a -5 °C e che hanno avuto un impatto soprattutto sulla coltivazione delle arance nei distretti di Concordia e Federación. Sebbene ancora non si possano determinare con esattezza i danni, ci si aspetta che siano notevoli.

Cile: volumi più bassi del 2% rispetto all'anno scorso
In Cile la coltivazione delle arance procede senza intoppi. Al contrario di quanto è successo in Argentina, le zone di produzione cilene non sono state ostacolate dal clima, sebbene la settimana sia cominciata con temperature vicino allo zero. In generale, le arance presentano una buona colorazione e sono di buona qualità. Alla fine della 27ma settimana, l'export totale ammontava a circa 19.448 tonnellate, ovvero il 2% in meno rispetto all'anno scorso.

Il 96,6% delle esportazioni è stato destinato agli Stati Uniti, il 2,2% all'America Latina e l'1% al mercato europeo. Piccole quantità sono state esportate in Canada ed Estremo Oriente. Una grande percentuale era rappresentata da varietà come Fukumoto, Lane Late e Navel Late. A causa della domanda elevata negli Usa, l'interesse dei coltivatori nella varietà Cara Cara è aumentato, anche se si tratta ancora di volumi piccoli.

Cina: prezzi attuali bassi per le arance
In Cina la stagione delle arance locali non è ancora cominciata e sul mercato, ogni tanto, si vedono varietà di mandarini precoci. L'offerta attuale è composta principalmente da arance d'importazione. Le arance sudafricane e australiane stanno entrando gradualmente sul mercato cinese e in breve tempo i volumi aumenteranno. La stagione spagnola ed egiziana sta volgendo al termine e l'offerta sta gradualmente diminuendo. Nelle ultime settimane, l'offerta non è stata alta e i prezzi hanno raggiunto un livello elevato. Ora c'è più prodotto e le quotazione sono in ribasso.

Stati Uniti: terminata la stagione in California e Florida
La stagione delle arance Navel californiane si è conclusa alla fine di giugno e si è protratta molto più a lungo di quanto inizialmente stimato dalla maggior parte dei coltivatori. Tipicamente, la campagna termina a maggio. Molte varietà sono state raccolte più tardi rispetto alla media. Nel 2018 la stagione ha registrato un volume più basso e una buona domanda, mentre nel 2019 i quantitativi sono stati più elevati, ma con un mercato più fiacco.

I prezzi ammontano a circa 13-15 dollari a cassa (nel 2018 il prezzo era di 16-18 dollari a cassa). La fornitura di arance Valencia continuerà fino a settembre. Ci sarà una parziale ripresa della domanda a settembre, non appena ricomincerà la scuola. Gli Stati Uniti importano arance Navel anche dal Cile. Per questa stagione è previsto un gap nella fornitura del prodotto.

A giugno è terminata anche la stagione delle arance Valencia della Florida. Fino alla fine di luglio, il prodotto verrà prelevato dalle celle per essere immesso sul mercato. I coltivatori si lasciano alle spalle una buona stagione, con valori Brix elevati per le arance. A ciò ha contribuito la presenza di un suolo sano e di un clima favorevole.

La Florida è una regione afflitta dal citrus greening e dal cancro batterico degli agrumi. Ogni anno la coltivazione mostra dei miglioramenti. Quest'anno la resa è stata più alta di quella della stagione precedente. In coltivazione ci sono nuovi areali. Anche la domanda è buona, nonostante ci siano stati problemi tra aprile e inizio maggio, quando sul mercato sono arrivate molte arance Navel provenienti dalla California e da altre zone.

Australia: la qualità migliore degli ultimi 7 anni
La stagione invernale delle arance australiane è alle porte. Questa sarà la migliore degli ultimi 7 anni in termini di qualità. Verso la fine di giugno 2018 sono state coltivate 526.089 ton di arance, per un valore di 373 milioni di dollari e un aumento del 12%. L'export è aumentato del 16% fino a un livello di 190.043 ton. Il mercato cinese è cresciuto del 26%. In inverno sono disponibili arance Navel, le Valencia in estate.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto