Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Canada: trasformare un'alga infestante in fertilizzante

Un imprenditore dell'Isola del Principe Edoardo (Canada) sta lavorando a un progetto con cui spera di liberarsi di un problema con cui l'isola ha a che fare da anni, contribuendo allo stesso tempo a incrementare l'interesse per le bacche di haskap. Mike Cassidy sta lavorando con la Facoltà di ingegneria di design sostenibile UPEI allo sviluppo di un liquido bio-stimolante derivato da un'alga, l'Ulva lactuca, che potrebbe essere utilizzata per favorire una crescita migliore delle piante.

L'ulva è un'alga problematica che cresce ogni estate in grandi ammassi o chiazze nei corsi d'acqua dell'isola, alimentata da un eccesso di nitrati nell'acqua provenienti da scarichi agricoli, fosse settiche e campi da golf. Quando quest'alga muore, utilizza l'ossigeno presente nell'acqua, creando condizioni anossiche letali per la fauna marina.

Cassidy cerca di individuare una maniera finanziariamente fattibile per liberarsi dell'alga per anni. "Nel 2011, ho portato con me un raccoglitore di ulva della Florida a Covehead Bay e lungo Mill River per cercare di rimuovere l'alga dai nostri affluenti e fiumi - ha raccontato Cassidy - Sappiamo tutti che nel 2011 avevamo un problema ambientale che tutt'oggi è ancora presente".

Processo d'estrazione
Attualmente Cassidy sta lavorando insieme a UPEI, con il Dott. Bishnu Acharya, a un programma pilota che sottoporrà l'ulva a un processo di estrazione. Acharya e la sua squadra hanno raccolto l'ulva a Covenhead Bay e la stanno trasformando in un laboratorio.

Test
L'estratto è stato testato durante l'inverno presso la facoltà di agraria dell'Università di Dalhousie di Truro, Nuova Scozia. "Abbiamo già testato l'estratto di alga ulva su piante di pomodoro e di cavolo e altri tipi di vegetali - spiega Acharya - I risultati sono stati molto positivi per l'utilizzo dell'estratto come bio-stimolante, che favorisce una crescita migliore delle piante".

Attualmente, l'estratto di ulva è in fase di sperimentazione sulle bacche di haskap a Cassidy Farms, che si trova a Hampton, Isola del Principe Edoardo. "Una volta testato, abbiamo in programma di ampliare il nostro processo e poi vogliamo produrre di più, in modo da condurre più prove l'estate prossima - ha concluso Acharya - Se tutto andrà bene, le vendite commerciali potrebbero cominciare già dall'estate prossima". 

Cassidy ha piantato 4 ettari con 10.500 piante di bacche di haskap ed è impaziente di vedere i risultati della ricerca scientifica.

Clicca qui per la versione integrale dell'articolo.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto