Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il robot che raccoglie i pomodori maturi

Con i costi della manodopera in aumento e una disponibilità di personale che si sta riducendo, i coltivatori stanno cercando di trovare altri modi per proseguire le loro attività senza intoppi e in modo competitivo. In risposta a questo, è sorto un nuovo settore che sta cercando di far fronte alla cosiddetta "crisi della manodopera", sviluppando nuove innovazioni. Una di queste ruota intorno all'uso della robotica, per automatizzare alcune delle funzioni attualmente eseguite dai braccianti.

La Root AI, un'azienda con sede nel Massachusetts, ha sviluppato un robot in grado di raccogliere i pomodori per livello di maturazione e qualità. Josh Lessing, co-fondatore e amministratore delegato della Root AI, dice che mentre l'utilizzo della robotica non è nuovo, l'industria sta ora mettendo a punto la tecnologia per fornire interessanti opportunità per il settore ortofrutticolo.

"Per decenni, c’è stata la necessità di una mietitrebbia robotizzata, e la diminuzione dell’offerta di manodopera degli ultimi anni, l’ha resa ancor più necessaria", ha affermato. "Quello che è diverso, oggi, è che la tecnologia ha finalmente raggiunto l’obiettivo e ora possiamo sviluppare soluzioni convincenti per i coltivatori. Abbiamo lavorato su Virgo per oltre un anno, che è il nostro primo prodotto per la raccolta, e sarà commercializzato il prossimo anno".

Come funziona Virgo
Il robot Virgo della Root Al è descritto come un macchinario mobile autonomo, progettato per raccogliere frutta e verdura. Ci sono due vantaggi che rendono Virgo diverso dagli altri robot utilizzati nell'industria di ortofrutta. Uno è la sua capacità di "vedere" i frutti e determinare se sono pronti per essere raccolti. L'altro è una pinza appositamente progettata, in grado di maneggiare delicatamente i prodotti, evitando così danneggiamenti.

"Virgo è un robot mobile autonomo che utilizza telecamere 3D, intelligenza artificiale abilitata al ragionamento e una pinza per la raccolta, per replicare con successo la capacità di una persona di identificare e raccogliere frutti maturi", ha spiegato Lessing.

"La prima applicazione di Virgo è stata la raccolta dei pomodori, ma abbiamo in programma di espandere le sue capacità in modo che possa aiutare i coltivatori con altre specialità come fragole, cetrioli e peperoni. Inoltre, combinando intuizioni basate sull'intelligenza artificiale con delicati sistemi di manipolazione che si occupano fisicamente di ogni impianto, possiamo consentire ai coltivatori di aumentare i loro raccolti, riducendo al contempo la complessità operativa e i costi".

Fornire una risorsa lavorativa affidabile
Come notato in precedenza, l'obiettivo innovativo principale di Virgo è quello di trasformare il settore della manodopera. L'intelligenza artificiale mira a rendere Virgo una risorsa lavorativa affidabile, che non solo possa replicare le funzioni di un bracciante, ma lo faccia in un modo che sia facile da gestire anche per il coltivatore.

"Il nostro obiettivo principale è fornire una risorsa di alta qualità e affidabile, che supporti i coltivatori nell'affrontare una delle maggiori sfide di oggi", ha spiegato Lessing. "I robot sono prevedibili e affidabili dal punto di vista della progettazione, e rendono più semplice eseguire la raccolta dei prodotti in base a un livello costante di maturazione, classificare i frutti per qualità e prevenire la diffusione di parassiti o malattie".

Al recente United Fresh show di Chicago, la Root AI ha vinto l'Innovation Award per la migliore nuova tecnologia di coltivazione indoor. Secondo Lessing, il premio è una dimostrazione che l'azienda è sulla strada giusta. "Il coltivatore è al centro di ogni decisione che prendiamo alla Root AI, quindi è incredibilmente gratificante aver ricevuto un riconoscimento al United Fresh. Significa che siamo sulla buona strada per avere un impatto significativo con la nostra tecnologia".

Cosa succederà nel prossimo futuro?
Ora che Virgo è stato sviluppato ed è in fase di test, la Root AI sta pianificando di renderlo disponibile per selezionare partner nel 2020, e più in generale nel 2021. Mentre l'azienda sta lavorando per applicazioni più ampie su altri prodotti, l'obiettivo a lungo termine è ampliare lo spettro delle innovazioni "agtech".

"Il robot per la raccolta è solo il primo passo in una strategia su più fronti, per offrire ai coltivatori sistemi integrati di tecnologia avanzata, con prodotti che in futuro rileveranno le malattie e faranno una previsione delle rese", ha concluso Lessing. "In definitiva, la Root AI vuole essere l’azienda leader globale per soluzioni agricole intelligenti".

Contatti:
Josh Lessing
Root AI
Email: jlessing@root-ai.com
Web: www.root-ai.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto