La diversificazione e' la chiave per il futuro della limonicoltura spagnola

Negli ultimi anni, la finestra commerciale dei limoni spagnoli nei mesi estivi ha acquisito maggiore importanza e per gli esportatori vuol dire sempre più opportunità. Il settore sta investendo di più in questa fase della campagna, ampliando la superficie e scommettendo su nuove varietà, anche se ci sono diverse sfide da affrontare, come l'aumento del costo dei terreni e la carenza di risorse idriche.

Da sinistra a destra: Enrique Fuentes e Martina Lípová del dipartimento commerciale, e Juan del Cerro, presidente della Hijos de Alberto del Cerro.

La Hijos de Alberto del Cerro vende circa 26 milioni di chili di limoni all'anno. I frutti sono destinati sia al mercato interno che all'esportazione, con la Francia come prima destinazione, seguita da Germania, Belgio, Regno Unito, i Paesi dell'Europa orientale, nonché altre destinazioni d’oltreoceano. Sebbene i limoni siano al centro dell'attività dell'azienda, altri agrumi e verdure vanno a integrare l’assortimento. L'azienda ha appena inaugurato un magazzino per la movimentazione e il confezionamento di agrumi biologici.

FreshPlaza ha visitato le sue strutture a Raal, nella provincia spagnola di Murcia, dove siamo stati ricevuti dal presidente dell’azienda Juan del Cerro, e da Enrique Fuentes e Martina Lípová del dipartimento commerciale.

"La stagione dei limoni Verna sta andando avanti meglio di quanto ci aspettassimo, poiché la qualità finora è buona e c'è un grande volume disponibile, che si traduce in vendite stabili e prezzi accettabili", afferma Enrique Fuentes. La campagna spagnola dei limoni sarà lunga, quest'anno, poiché ci sono volumi più abbondanti e il raccolto è risultato in leggero ritardo. Prevediamo che le vendite continueranno fino alla fine di luglio con volumi stabili, il che significa che ci saranno meno importazioni dall'estero".

Il raccolto spagnolo di limoni è stato più abbondante dell’anno scorso, anche perché negli ultimi anni è stata ampliata la superficie. "Le ultime campagne sono state positive in termini di prezzi, in parte a causa di problemi produttivi nei Paesi terzi, e in parte per la crescente domanda di limoni in tutto il mondo. Di conseguenza, i produttori hanno piantato più limoni, in particolare la varietà Verna. Al momento è difficile estendere la superficie nella Murcia, dal momento che non è così facile trovare nuove aree adatte alla coltura, e inoltre i prezzi dei terreni e dell'acqua di irrigazione sono diventati molto costosi ", afferma il venditore. "Per questo motivo, c'è una continua ricerca di nuove cultivar o modelli di allevamento che possono favorire rese produttive migliori", dice.

Quindi, una delle chiavi per il futuro dei limoni in Murcia è lo sviluppo di nuove varietà. Il settore, secondo Juan del Cerro, deve crescere ancora molto per questo agrume. La società ha recentemente investito nella piantagione della nuova varietà Summer Prim, protetta da brevetto varietale, che sarà commercializzata per la prima volta quest'anno, con una produzione che dovrebbe raggiungere i 3 milioni di chili entro il prossimo triennio.

"La verità è che sono state condotte ricerche molto ambiziose per ottenere nuove varietà di agrumi e speriamo di vederne presto i risultati. Il settore spagnolo produce soprattutto due varietà di limone: Primofiore in autunno e inverno, e Verna in estate. Quest'anno effettueremo i primi test commerciali sulla Summer Prim, una varietà che deriva da una mutazione spontanea del Primofiore, e che potrebbe consentirci di estendere il raccolto ai mesi estivi".

"Pertanto, saremo in grado di fornire un limone simile al Primofiore durante tutta la nostra campagna (da settembre a luglio), un limone apprezzato per le sue qualità organolettiche, un'elevata quantità di succo e la buccia sottile. Se tutto funzionerà come ci aspettiamo, nei prossimi tre anni investiremo molto di più, con l'obiettivo di triplicare la superficie. In questo modo, avremo una varietà che andrebbe a integrarsi perfettamente con le nostre produzioni tradizionali, e che ci consentirebbe di raggiungere rese produttive più elevate in campo".

Nuove strutture per la movimentazione e l'imballaggio dei limoni biologici, con l'ultima tecnologia di calibratura della Sunkist

"Considerate le minacce che il settore sta subendo, chiediamo ai diversi enti governativi un migliore coordinamento. L'idea è di prevenire situazioni come quella in cui un importante prodotto fitosanitario non può essere utilizzato nell'UE ma, allo stesso tempo, sono stati imposti livelli massimi di residui (LMR) per i frutti d'importazione".

"Infine, vale la pena ricordare che c'è una crescente concorrenza da parte dei Paesi terzi, come la Turchia o l'Egitto, e che ciò ha un grande impatto sulle esportazioni dei limoni spagnoli", anche se Juan del Cerro ritiene che non dovrebbe essere motivo di preoccupazione. "La nostra azienda ha scommesso sulla produzione biologica, sulla sicurezza alimentare e sulla freschezza, che è ciò che i nostri clienti richiedono maggiormente", afferma.

Contatti:
Enrique Fuentes
Hijos de Alberto del Cerro
C/ Mayor, 372. 
30139 El Raal, Murcia. Spain
T: +34 968600162
M: +34 696982440
Email: enrique@albertodelcerro.com
Web: www.albertodelcerro.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto