Consumatori britannici criticano Tesco per i prezzi troppo alti della frutta sfusa

Gli acquirenti più attenti alle tematiche ambientali hanno criticato Tesco per aver venduto frutta sfusa a quasi il doppio del prezzo di quella confezionati in imballaggi plastici. Una filiale a Litherland, nel Merseyside, fa pagare 17 pence per ogni limone confezionato in una retina di plastica, mentre il costo per un limone sfuso è di 30 pence. Allo stesso modo, le clementine imbustate valgono 17 pence ciascuna, contro i 22 pence per quelle per le quali non è stata utilizzata plastica.

Un consumatore ha fotografato le differenze di prezzo e ha dichiarato a MailOnline: "Cerco consapevolmente di ridurre il consumo della plastica monouso, quindi è piuttosto sconvolgente che l'opzione più rispettosa dell'ambiente non sia anche la più economica".

Gli ambientalisti dicono che la pratica penalizza gli acquirenti che vogliono essere dei consumatori più responsabili.

"I negozi dovrebbero aiutare i clienti a dire no alla plastica inutile, piuttosto che incoraggiarli a spendere di più", ha detto Julian Kirby, dell'associazione ambientalista Friends of the Earth. "I supermercati devono fare di più per eliminare gli imballaggi di plastica superflui - e se non lo fanno loro, dovrebbe farlo il governo".

La questione del costo più elevato di frutta e verdura sfusa è stata sollevata ripetutamente dagli acquirenti, tra i quali lo chef televisivo Hugh Fearnley-Whittingstall, che sta collaborando con la BBC in un programma chiamato War on Plastic.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto