Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

C'e' imballaggio e imballaggio: i vantaggi ambientali delle confezioni in EPS

"Le sempre più gravi condizioni dell'ambiente esigono misure stringenti circa il packaging, anche in ambito ortofrutticolo. Materiali plastici utilizzati per realizzare imballaggi hanno finito per creare condizioni insostenibili in tutto il mondo, basti pensare alle cosiddette garbage islands, isole galleggianti di spazzatura (prevalentemente plastica) che solcano gli oceani e che finiscono per entrare nella catena alimentare umana". Sono le parole di Alessandro Scurria, CEO di SCF Packaging*, impegnato nella produzione di imballaggi in EPS: un materiale definito a basso impatto ambientale.

"La soluzione al problema – continua Scurria - sta proprio nella riduzione dell'uso di materiali monouso, non riciclabili e/o difficilmente rinnovabili. Per questo motivo, alla fine del 2015 la Commissione europea ha adottato un pacchetto di misure sull'economia circolare per aiutare le imprese e i consumatori europei a effettuare la transizione verso un modello economico in cui le risorse vengano utilizzate in modo più sostenibile".

"Il ricorso al riciclo e al riutilizzo, anche nel settore degli imballaggi per l'ortofrutta – prosegue l'industriale - sono ancora l'anello mancante nel ciclo di vita dei prodotti. L'economia circolare si prefigge di ridurre i rifiuti e proteggere l'ambiente, ma presuppone anche una profonda trasformazione del modo in cui funziona la nostra intera economia. In questo senso s'inserisce l'EPS, un materiale che invece si sposa concretamente con il concetto di economia circolare".

Le azioni chiave già adottate o da realizzare in seno all'Ue riguardano proprio le questioni legate a riciclabilità, biodegradabilità dei materiali. Nel quadro generale si inserisce la riduzione dei rifiuti e si stabilisce un percorso a lungo termine per la loro gestione e riciclo.

Gli elementi chiave delle nuove proposte comprendono alcuni obiettivi: entro il 2030 arrivare al 65% di riciclaggio dei rifiuti urbani, al 75% per quelli di imballaggio entro il 2030, ridurre al massimo al 10% il collocamento in discarica per tutti i rifiuti; vietare il collocamento in discarica dei rifiuti della raccolta differenziata e promuovere strumenti economici per scoraggiarlo; adottare misure concrete per promuovere il riutilizzo e stimolare la simbiosi industriale trasformando i prodotti di scarto di un'industria in materie prime destinate ad un'altra e incentivi economici a sostegno dei sistemi di recupero e riciclaggio.

"La sfida più grande, come ho più volte avuto modo di esternare pubblicamente, l'abbiamo in parte già vinta – riferisce l'industriale - ed è proprio quella di aver fatto comprendere al settore che EPS non è un materiale inquinante, tutt'altro!".

La risposta ai quesiti è fornita mediante un'ampia documentazione EPD (Dichiarazione ambientale sviluppata in applicazione della norma UNI EN ISO 14025:2010). Le corrette informazioni sull'EPS e sul valore aggiunto di questa soluzione di imballaggio sono oggi disponibili anche mediante QR Code apposto direttamente sugli imballaggi stessi. Attraverso il codice si accede infatti direttamente alla Dichiarazione ambientale EPD, dalla quale si evince chiaramente come l'EPS costituisca una soluzione green.

La SCF Packaging è un'azienda leader nella produzione di imballaggi in polistirene espanso sinterizzato, materiale leggero, atossico, chimicamente inerte, che non sviluppa muffa e funghi. Grazie al potere isolante dell'EPS i contenitori SCF Packaging assicurano la conservazione dei prodotti in condizioni ottimali.


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto