Il fallimento della Jet Airways ha creato un vero e proprio dramma logistico

La stagione indiana del mango ha registrato due settimane di ritardo, ma ha tutte le carte in regola per svilupparsi bene. L'enorme difficoltà è stato il fallimento della compagnia aerea Jet Airways, che si occupava della maggior parte del trasporto aereo inviato dalla Kay Bee Exports. Naturalmente, ciò ha avuto un effetto non solo nella logistica, ma anche sulla formazione dei prezzi.

Il mango indiano Alphonso è tra i frutti più popolari della regione. Secondo Kaushal Khakhar, amministratore delegato di Kay Bee Exports, la stagione può ancora essere potenzialmente buona.

"Sfortunatamente, abbiamo avuto a che fare con condizioni climatiche avverse che hanno determinato un ritardo di due settimane per l'inizio della stagione del mango e sembra che anche la fine della campagna risulterà ritardata. Ad oggi abbiamo esportato circa 700 ton di mango in questa stagione, tutte per via aerea e ci aspettiamo di esportare in totale 1.000 ton. Spediamo in Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia e diversi paesi in Europa, come Regno Unito, Paesi Bassi e Germania".

Tuttavia, le condizioni climatiche non sono certo state l'unica sfida maggiore della stagione, dal momento che il vettore principale di Kay Bee Export, ovvero Jet Airways, è fallito.

"Il fallimento di Jet Airways ci ha causato alcuni problemi logistici, ma abbiamo cercato di assicurarci che non ci sarebbe stato un calo nella nostra capacità d'esportazione. Non appena è stato notato il gap nella fornitura, altre linee di trasporto aereo, come British Airways, Air India, Emirates e altre, hanno aumentato le tariffe di trasporto aereo, creandoci molte difficoltà".

"Fortunatamente, alla fine siamo riusciti a esportare tutto e non c'è stato un calo della capacità. I prezzi sono comunque aumentati, dal momento che il trasporto aereo ha rappresentato oltre il 50% dei costi totali; tuttavia - spiega Khakhar - i mango sono talmente popolari che non c'è stato un vero e proprio calo nei volumi ordinati, nonostante i prezzi elevati".

Con il Regno Unito nel ruolo di uno dei mercati più grandi per la società, Khakhar si sente spesso chiedere della Brexit e di cosa comporterà per gli esportatori non europei. "Una volta che la Brexit diventerà realtà, potrebbe accadere di tutto. Potrebbe verificarsi un aumento delle tariffe da parte degli altri paesi europei, il che potrebbe facilitare le cose agli esportatori dall'India. Un altro vantaggio potrebbe riguardare normative meno rigorose rispetto a ora. Non potremo dirlo con certezza fino a che non succederà realmente; fino ad allora possiamo solo continuare le nostre attività come di consueto".

La stagione indiana del mango terminerà tra qualche mese, ma per Kay Bee Exports non c'è tempo per rilassarsi. "Una volta che la stagione terminerà, ci concentreremo sulle melagrane. Anche se la domanda di è solitamente un po' più bassa in quei mesi, molti paesi produttori di melagrane non avranno più scorte di questo frutto. Ciò significa - conclude Khakhar - che potremo colmare tale vuoto e soddisfare le richieste senza molti problemi!"

Contatti:
Kaushal Khakhar
Kay bee Exports
Tel: +91 2241 57 8999
Email: Kaushal@kaybeeexports.com
Web: www.kaybeeexports.com  


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto