Prezzi al consumo a maggio 2019: online le stime preliminari

Secondo le stime preliminari, nel mese di maggio 2019 l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,1% su base mensile e dell'0,9% su base annua (era 1,1% del mese precedente).

La decelerazione è principalmente dovuta alla dinamica dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (da 2,8% di aprile a 1,6%), dei beni energetici non regolamentati (da 3,7% a 2,4%) e, in misura minore, dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da 1,6% a 1,1%).

L'inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici decelerano entrambe di un decimo di punto, rispettivamente da 0,6% a 0,5% e da 0,7% a 0,6%.

Il lieve aumento congiunturale dell’indice generale è dovuto per lo più alla crescita dei prezzi dei beni alimentari non lavorati (+1,8%) e dei beni energetici non regolamentati (+0,8%), solo in parte bilanciata dal calo dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (-0,9%) e dei servizi relativi alle comunicazioni (-0,5%).

L'inflazione acquisita per il 2019 è 0,7% per l'indice generale e 0,4% per la componente di fondo.

Per i beni alimentari, per la cura della casa e della persona l'inflazione rimane al di sotto di quella generale, pur accelerando da 0,3% a 0,5%, mentre per i prodotti ad alta frequenza d’acquisto la crescita dei prezzi, pur rimanendo stabile a 1,1%, torna al di sopra di quella riferita all'intero paniere.

Secondo le stime preliminari, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dello 0,1% su base mensile e dello 0,9% in termini tendenziali.

Fonte: www.istat.it


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto