Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'evoluzione del commercio all'ingrosso di patate nell'esperienza di un operatore olandese

Quando negli anni '30 il Food Center di Amsterdam, Paesi Bassi, aveva appena aperto, il grossista di patate van Egmond era uno dei 70 specializzati in patate che erano presenti nel mercato. Adri van Egmond - di terza generazione - è sempre stato leale alla società familiare, anche se non è sicuro che prenderà parte agli imminenti cambiamenti sul mercato. "Siamo cresciuti con le patate, ma oggi i miei figli non vogliono lavorare 70 ore alla settimana e non posso certo biasimarli".


Adri van Egmond

"Quando è stato aperto, il Food Center si trovava all'estrema periferia della città. Ora ci troviamo dentro perché la città si è estesa fino a qua. I nuovi piani prevedono che metà del mercato continuerà a esistere e l'altra sarà destinata alla costruzione di immobili. Onestamente sono rimasto piuttosto sorpreso che il nuovo Food Center conserverà la sua postazione. Dopotutto, non è facile al momento fare commercio, per via dell'affollamento della città".

Ai tempi di suo nonno era un mercato molto competitivo, mentre ora i grossisti lavorano molto bene insieme. "Non rifiuto i clienti, ma qui non ci rubiamo i clienti e ci aiutiamo quando possibile".

"La mia clientela è composta prevalentemente da dettaglianti, negozi esteri, catering. Tutti i fruttivendoli che chiudono vengono sostituiti da negozi marocchini o turchi. Questo gruppo di migranti consuma moltissime patate, ma purtroppo badano solo al prezzo. Un fruttivendolo olandese a volte è disposto a spendere un po' di più per avere una patata di qualità, ma questo target di pubblico non lo fa - spiega il commerciante di patate - Il numero di luoghi che si preparano da soli le chip di patate è aumentato molto negli ultimi anni, ma la crescita ha ormai raggiunto il suo picco".

Inoltre, per accontentare la clientela di migranti, Van Egmond sta offrendo sempre più prodotti oltre a patate e cipolle. "Questi clienti hanno cominciato a chiedere zenzero, zucche e scalogno, quindi ho cominciato gradualmente a fornire anche questi prodotti. Tuttavia, i nostri prodotti centrali continuano a essere patate e cipolle. Inoltre, beneficiamo dell'ampio pubblico che viene qui al mercato ad acquistare. Anche il pescivendolo viene a prendersi un paio di casse di cipolle".

I prezzi delle cipolle sono particolarmente alti, quest'anno. "Si sono dovuti regolare i prezzi e ciò rende il prodotto troppo costoso per alcuni clienti. Di conseguenza, ho notato che quest'anno si sono vendute meno quantità. D'altra parte, i margini sono più grandi". Il commerciante, infatti, spiega che con prezzi sufficientemente alti è più facile guadagnarci. Inoltre, aggiunge: "Al momento stiamo offrendo le cipolle cilene e presto passeremo anche alle spagnole".

La gamma d'importazione delle patate al momento consiste nelle italiane Doré, la marocchina Nicola e le patate Santé da Malta. Van Egmond non ha importazioni proprie. "Il mio fatturato non è abbastanza alto per farlo e penso che sia più facile fare affari con gli imballatori olandesi. Per esempio, De Koster è il mio fornitore fisso di cipolle olandesi". 

Il commerciante non si dichiara molto ottimista sul consumo di patate. "Oggigiorno ci sono così tante alternative e penso che le patate di qualità non vengano considerate quanto meriterebbero. Non vedo neanche spazio per altre varietà, se è per questo, e lo si può notare anche nei supermercati che lavorano con requisiti di colori. Oggigiorno le patate devono essere chiare, a pasta gialla e non costare troppo!"

Contatti:
G.C. van Egmond
Centrale Groothandelsmarkt 171 
1051 LJ Amsterdam, the Netherlands 
Tel: +31 20 682 20 82
Email: info@gcvanegmond.nl


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto